PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

CON IL FEDERALISMO OCCORRE UN NUOVO PATTO DI STABILITA'.

Altro che federalismo. Se non si metterà mano a una revisione del Patto di stabilità sarà impensabile rimuovere gli squilibri economici e sociali tra la aree del paese. E soprattutto sarà impossibile rilanciare gli investimenti in infrastrutture, i più colpiti dalla crisi economica e dalle rigidità contabili di Giulio Tremonti. Nemmeno il tempo di festeggiare per il sì della Bicamerale sul fisco delle regioni e la macchina del federalismo si è già rimessa in moto.
La commissione presieduta da Enrico La Loggia ha iniziato a esaminare il sesto decreto attuativo della legge 42, quello sulla perequazione infrastrutturale. E subito sono arrivate le stilettate del presidente della Corte dei conti, Luigi Giampaolino. In audizione, il numero uno dei magistrati contabili ha avvertito i 30 componenti di palazzo San Macuto che parlare di interventi speciali e infrastrutture nelle aree deboli del paese in un contesto di crisi e di scarsità di risorse pubbliche «sarà un compito difficile e delicato».
I dati del resto parlano chiaro. In questi anni gli enti locali sono stati costretti a frenare la spesa in conto capitale in generale e gli investimenti infrastrutturali in particolare per rispettare il patto di stabilità. E ciò, ha proseguito Giampaolino, «ha prodotto effetti perversi non solo sulle infrastrutture primarie, ma anche sull'attivazione di opere pubbliche minori, di interesse locale, che pure avrebbero contribuito al sostegno della crescita nella fase più critica del ciclo economico».
Di qui la necessità di una revisione del Patto che, secondo il presidente della Corte conti, dovrebbe consentire agli enti di selezionare gli interventi capaci di massimizzare gli effetti positivi sulla crescita, «abbandonando le infrastrutture di scarsa (o nulla) utilità a favore delle opere di alto contenuto economico e sociale».
Ma non è solo la scarsità di risorse a frenare le infrastrutture. Anche la lentezza realizzativa fa la sua parte, soprattutto al Sud. Se infatti, osserva la Corte, le titubanze decisionali costituiscono una costante lungo lo Stivale, la fase realizzativa segna una netta divaricazione tra le aree del paese. Come certificano i dati del Cipe secondo cui a fine 2009 solo il 10% delle infrastrutture strategiche sarebbe stato portato a termine al Sud, contro il 30% del Centro-Nord.
Completa il quadro la costante erosione di risorse subìta dai fondi Fas e favorita, ammette la Corte, dal fatto che «ancora oggi una parte delle risorse assegnate negli anni 2000-2006 è in fase di utilizzo». Per questo Giampaolino ha chiesto alla Bicamerale che il federalismo destini una elevata percentuale (85%) delle risorse presenti nel Fondo per lo sviluppo e la coesione alle regioni del Mezzogiorno.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio