PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

MULTICARD PER I DIPENDENTI PUBBLICI.

Il 2011 sarà l'anno della convergenza. Delle diverse azioni di riforma della Pa messe in campo da inizio legislatura e dell'avvicinamento agli obiettivi più strategici indicati dal governo. Come, per esempio, quello del piano e-gov 2012 per la scuola, o la diffusione della posta elettronica certificata anche tra gli immigrati. O, ancora, del passaggio alla ricetta medica online dopo il successo conseguito con i certificati medici.
Il ministro della Pa e l'Innovazione, Renato Brunetta, inaugurando ieri la 22esima edizione del Forum Pa, ha voluto ringraziare tutti i dipendenti delle amministrazioni dello Stato per l'impegno con cui stanno affrontando tutte le novità normative e organizzative introdotte. E per i 3,5milioni di dipendenti pubblici il ministro ha annunciato l'arrivo entro l'anno della personal card multiservizi, una carta valida per l'espatrio, che permetterà l'accesso ai servizi digitali della Pa e convenzioni con il sistema dei trasporti, i musei e altri servizi decisi dalle singole amministrazioni.
L'intervento del ministro è stato preceduto da un messaggio del capo dello Stato, che dopo aver sottolineato il ruolo svolto dalla pubblica amministrazione nel processo di unificazione del Paese s'è a suo volta concentrato sui temi della interattività e delle reti che stanno trasformando il lavoro di enti e amministrazioni «per concorrere a garantire un più trasparente ed efficace utilizzo del grande patrimonio umano e professionale degli uomini e delle donne che della Pubblica amministrazione fanno parte, una obiettiva valutazione dei meriti e delle responsabilità ed una crescita economica libera da eccessivi vincoli burocratici».
In attesa del via libera del Colle al Dl sviluppo, il ministro ha voluto ricordare anche le misure più significative sul fronte della semplificazione, a partire dall'allargamento a Regioni, enti locali e Authority del piano di misurazione e taglio degli oneri amministrativi. Sono le «riforme a costo zero», come le chiama Brunetta, che «stiamo facendo e che per essere realizzate hanno bisogno dell'aiuto delle imprese» ha detto il ministro rivolgendo un appello alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. Un «tema prioritario per l'Italia» quello del taglio degli oneri amministrativi, ha riconosciuto il direttore generale di Confindustria, Giampaolo Galli: «Non si tratta solo di un problema di oneri burocratici- ha osservato - ma di incertezza delle regole, una questione decisiva per attrarre gli investimenti esteri».
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<ottobre 2017>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio