PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

ALLA RICERCA DI UN PATTO PIU' EQUO.

Patto di stabilità secondo la regola aurea dell'equilibrio di bilancio. Sarà questa la soluzione, peraltro da sempre gradita ai sindaci e sostenuta dall'Anci, su cui i tecnici di Giulio Tremonti si stanno orientando per dare un po' di respiro ai comuni. Quel che è certo è che il nuovo Patto imporrà il pareggio nei conti (primi quattro titoli delle entrate e primi due delle spese) mentre ancora non è chiaro se si orienterà verso un criterio di cassa o di competenza.
La riserva sarà sciolta nei prossimi giorni in tempo utile per inserire le nuove norme nella manovra correttiva che il governo dovrebbe varare tra la fine di giugno e gli inizi di luglio. Al momento, infatti, sembra tramontata l'ipotesi di anticipare le modifiche inserendole in corsa all'interno del decreto sviluppo (dl 70/2011). Il provvedimento, su cui il governo lunedì porrà la questione di fiducia alla camera, sembra infatti ormai blindato.
Mentre è da escludere che per l'entrata in vigore dei correttivi il governo possa rimandare tutto alla legge di stabilità 2012 che sarà varata in autunno. E dunque fuori tempo massimo perché i comuni (soprattutto quelli virtuosi del Nord che hanno negli anni accumulato risparmi che non possono spendere per pagare le imprese e rilanciare gli investimenti) chiedono risposte immediate.
Nonostante il recente accordo tra governo e comuni sulle spettanze del federalismo fiscale (compartecipazione Iva e fondo di riequilibrio) abbia fatto tirare un sospiro di sollievo ai municipi in vista della chiusura dei bilanci (sui 6.700 enti delle regioni a statuto ordinario ben 4.647 riceveranno le stesse risorse del 2010 mentre i 1.835 sindaci che ci rimetteranno andranno incontro a una decurtazione limitata allo 0,28%), restano ancora dei alcuni profili di incertezza.
Ma tutto, assicurano al ministero dell'interno, bombardato in questi giorni dalle richieste di chiarimenti dei comuni, verrà definito quando, dopo il visto della Corte conti, i dati saranno ufficiali. Per il momento infatti ci sono ancora differenze tra i trasferimenti 2011 al netto dei tagli del dl 78/2010 e le spettanze teoriche su cui sono stati calcolati compartecipazione Iva e fondo di riequilibrio.
E lo dimostra uno studio diffuso ieri dal senatore Pd Marco Stradiotto, secondo cui il prezzo che i comuni pagherebbero col federalismo sarebbe molto più alto di quello che il Viminale vorrebbe far credere. Secondo lo studio le differenze tra quanto i comuni incassavano nel 2010 e quanto avranno nel 2011 è particolarmente evidente non solo a Roma, Napoli e L'Aquila (che ricevono contributi extra, e dunque non fiscalizzabili ai fini del federalismo, nel primo caso in quanto Capitale della Repubblica, nel secondo per far fronte all'emergenza rifiuti e per pagare gli Lsu e nel caso del capoluogo abruzzese per l'emergenza terremoto) ma un po' dappertutto. In realtà però, replicano al ministero, gli scostamenti si giustificherebbero per almeno quattro fattori: il mancato computo del fondo per gli investimenti (di cui i comuni hanno invece ricevuto la prima tranche il 1° giugno), i tagli dei costi della politica (89 milioni), il mancato rifinanziamento per il 2011 dell'Ici rurale (189 milioni) e per finire i soldi recuperati dal Mininterno per il personale che i comuni avevano acquisito in mobilità (prevalentemente da scuole e Ferrovie dello stato) una decina di anni fa e nel frattempo cessati dal servizio.
Molti enti si erano dimenticati di segnalarlo al Viminale che ha così avviato nell'autunno scorso un monitoraggio arrivando a quantificare in 2 milioni di euro la cifra da non corrispondere più ai comuni.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio