PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SI APRONO POSSIBILITA' DI ASSUNZIONI PER LE P.A. VIRTUOSE.

Via libera a complessive 1.842 nuove assunzioni e trattenimenti in servizio nella pubblica amministrazione. Infatti, le amministrazioni pubbliche che hanno provveduto al riassetto dei propri uffici dirigenziali e alla rideterminazione delle dotazioni organiche del personale non dirigenziale, così come previsto dal decreto legge mille proroghe del 2009 (il dl n. 194/2009), potranno assumere personale a tempo indeterminato e trattenere in servizio personale.
Entro marzo 2012, poi, le stesse p.a. dovranno trasmettere alla funzione pubblica e alla Ragioneria generale dello stato, i dati relativi al personale interessato dalla predetta procedura
Lo prevede il dpcm 7/7/2011, non ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, recante «autorizzazione ad assumere a tempo indeterminato e a trattenere in servizio unità di personale per le esigenze di varie amministrazioni dello stato», reso noto ieri attraverso il sito del dipartimento guidato da Renato Brunetta.
Il dpcm in oggetto, prevede che, fermi restando per le amministrazioni gli adempimenti previsti dall'articolo 8-bis del dl n. 194/2009, ovvero apportare una riduzione degli uffici dirigenziali e delle relative dotazioni organiche, in misura non inferiore al 10% e la rideterminazione delle dotazioni organiche del personale non dirigenziale, apportando, anche qui, un'ulteriore riduzione non inferiore al 10%, sono autorizzate, per il corrente anno, all'immissione e ai trattenimenti in servizio di un contingente di personale, sulla base delle cessazioni verificatesi nel 2010.
Per le p.a. che non vi provvedono, infatti, sussiste il divieto sanzionatorio di effettuare assunzioni in soprannumero.
Il budget disponibile per ogni singola amministrazione, infatti, è calcolato sul 20% del risparmio relativo al totale delle cessazioni dal servizio avvenute nel 2010.
Tra le complessive 1.842 unità di personale interessato dal dpcm in oggetto, come si ricava dalla tabella allegata allo stesso, spiccano le 584 unità destinate al Miur di cui 484 unità sono però relative al completamento di progressioni verticali, le 278 unità destinate all'Inps, di cui 21 trattenimenti in servizio e le 240 unità destinate al dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria del ministero della giustizia, di cui 118 unità sono riferibili a trattenimenti in servizio. Tra gli altri, nella tabella del dpcm si rilevano anche 116 unità per il ministero dell'economia, 96 per l'Inail, 78 unità destinate all'Agenzia del territorio e 75 al ministero dell'interno.
Le amministrazioni elencate, pertanto, devono trasmettere, entro e non oltre il 31 marzo 2012, alla funzione pubblica e alla Ragioneria generale dello stato, al fine di predisporre le necessarie verifiche, i dati concernenti il personale assunto e la spesa annua lorda a regime effettiva da sostenere. A completamento delle procedure di assunzione, poi, si prevede che ogni amministrazione dovrà fornire una dimostrazione del rispetto dei limiti di spesa previsti dallo stesso dpcm 7/7/2011.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio