PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

CONSIGLI TRIBUTARI: ADDIO!

Soppressi i consigli tributari che dovevano essere istituiti ai fini della partecipazione dei comuni all'attività di accertamento fiscale e contributivo.
I comuni leggeranno con entusiasmo le norme del decreto Monti e potranno dormire sonni tranquilli in quanto è peraltro salva l'entità della partecipazione al gettito di tributi erariali che la manovra estiva ha fissato al 100%.
Tali consigli erano stati riesumati dall'art. 18 del dl 31 maggio 2010, n. 78, che aveva tentato di renderli operativi sancendone l'obbligatorietà dell'istituzione, termine di 90 giorni o 180 giorni dall'entrata in vigore del decreto.
Di fronte all'inerzia dei comuni, dettata anche dalla scarse informazioni circa la composizione dei consigli, tale obbligatorietà è stata rafforzata dall'art. 1, comma 12-quater del dl 13 agosto 2011, n. 138, che escludeva l'applicazione della quota della partecipazione al 100% in caso di mancata istituzione, da parte dei comuni, dei consigli tributari entro il 31 dicembre 2011.
L'accanimento del legislatore nel far rivivere un organo ormai obsoleto previsto da un decreto legislativo luogotenziale dell'8 marzo 1945, n. 77 e mai concretamente decollato, ha scontato la costante avversione dei comuni che non hanno mai visto con favore la creazione di un organo consultivo per niente funzionale allo svolgimento dell'attività di accertamento, che sarebbe stata anzi appesantita dell'interposizione di un organo atipico e poco coerente con il sistema, con il rischio di creare sovrapposizioni di funzioni programmatorie e gestionali che avrebbero certo nociuto all'attività dell'ente.
Si ricorda, infatti, che nell'imminente scadenza del termine di dicembre l'Anci si era preoccupata di dare indicazioni ai comuni associati per la composizione dei Consigli che possono essere messe nel dimenticatoio grazie alla manovra che ha eliminato un inutile appesantimento procedurale che avrebbe rallentato l'attività di accertamento e ne avrebbe sicuramente aumentato i costi di gestione.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio