PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

ENTE PUBBLICO RISARCITO PER DANNI DA TANGENTE

L'ente pubblico ha diritto al risarcimento per il danno d'immagine provocato dai funzionari corrotti: questi infatti generano «discredito sociale nella considerazione collettiva» calpestando il principio dell'imparzialità e del buon andamento dell'amministrazione. La corte di Cassazione (3672/2010) con una sentenza chilometrica è tornata a ribadire i pilastri giuridici che regolano le ipotesi di infedeltà nell'affidamento degli appalti pubblici. La controversia riguardava una serie di lavori svolti tra il 1983 e il 1991 per conte della Usi di Milano - in particolare all'ex ospedale Baslini e all'ex Istituto provinciale di Maternità - in cui due funzionari avevano agevolato un'impresa in cambio di tangenti.
Il problema delle restituzioni civilistiche si era posto dopo la condanna (corruzione) nel frattempo maturata per tutti i protagonisti. La corte ha stabilito che l'ente, pur danneggiato dall'infedeltà dei suoi funzionari, è comunque responsabile patrimonialmente anche nei confronti dell'azienda che ha beneficiato del reato. Secondo l'Usi, invece, la responsabilità dell'azienda sanitaria valeva nei confronti di terzi, ma non nei confronti dell'impresa che aveva pagato tangenti per ottenere gli appalti: in sostanza i funzionari percependo le mazzette avrebbero violato solo i diritti del datore di lavoro pubblico, ma certo non un diritto del corruttore. Invece la Corte ha ribadito che l'articolo 28 della Costituzione è sempre opponibile contro l'amministrazione: nel caso specifico, quindi, i comportamenti incrociati di corruttori e corrotti annullano qualsiasi pretesa risarcitoria incrociata.
In ogni caso il contratto d'appalto deviato dalle tangenti è «nullo», e quindi nessun compenso né pagamento è dovuto dalla Usl per i lavori svolti.
La prova penale del reato di corruzione, se formata in dibattimento, può infine essere utilizzata nel procedimento civile; disco rosso, invece, per gli indizi raccolti nell'indagine preliminare.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<marzo 2020>
lunmarmergiovensabdom
2425262728291
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio