PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

CLASS ACTION CONTRO L'IVA SULLA TARSU.

Il Codacons ha depositato ieri mattina presso l'ufficio del Giudice di pace di Roma il primo ricorso collettivo contro l'applicazione dell'Iva sulla tassa per lo smaltimento dei rifiuti. Lo rende noto l'associazione, che da anni ha avviato una battaglia sul tema raccogliendo le denunce dei contribuenti italiani.
A seguito della recentissima sentenza della Corte di cassazione, che ha sancito definitivamente come la tassa sui rifiuti non sia assoggettabile all' Iva del 10% in quanto costituisce un entrata tributaria e non un corrispettivo per il servizio reso, il Codacons ha notificato il primo di una serie di ricorsi collettivi in via di definizione in tutta Italia.
Con l'atto in questione, circa 100 famiglie residenti a Roma, rappresentate dall'associazione, chiamano in giudizio l'Ama spa e chiedono al giudice di condannare la società a rimborsare a ciascuna di esse il 10% di Iva sulla Tarsu ingiustamente pagata dal 2003 al 2010, per somme che variano, a seconda dei consumi delle singole famiglie, da 66 a oltre 450 euro solo di imposta sul valore aggiunto.
Oltre ovviamente gli interessi legali su tali somme. «Forti delle sentenze della Corte costituzionale e della Cassazione, invitiamo i cittadini a ribellarsi contro la «tassa sulla tassa», finalmente dichiarata illegittima», afferma il presidente Carlo Rienzi. «Oggi (ieri per chi legge) pubblicheremo sul sito internet un fac-simile di ricorso che i contribuenti possono utilizzare in modo gratuito per chiedere il rimborso dell'Iva sui rifiuti versata negli ultimi anni. Chi invece volesse aderire ai ricorsi promossi dall'associazione, può inviare una mail con i propri dati a info@codacons.it».
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<ottobre 2019>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio