PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

PENSIONE RIDOTTA PER IL DIPENDENTE PART-TIME.

Il dipendente che trasforma il proprio rapporto di lavoro in part-time e percepisce un trattamento pensionistico ridotto, per effetto della prosecuzione del rapporto di lavoro, non può pretendere la pensione nella sua interezza, nonostante l'abolizione del divieto di cumulo previsto dalla legge 289/2002. Tanto afferma la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza depositata ieri relativa al ricorso 25647/2009.
La questione nasce dal ricorso presentato dall'Inps a seguito di un giudizio promosso da una ricorrente che reclamava la pensione ordinaria di vecchiaia in misura piena a partire dal 1° gennaio 2003, in luogo di quella ridotta per effetto del part-time, in applicazione del l'articolo 44 della legge in parola poiché, con tale norma, era stato abrogato il divieto di cumulo - sia totale sia parziale - fra pensione e retribuzione. L'Inps, dopo essere stato soccombente nei primi due gradi di giudizio, ha proposto ricorso.
Questo è stato accolto e la sentenza di secondo grado impugnata è stata cassata senza rinvio potendo la causa essere decisa nel merito. La Suprema Corte, nel ripercorrere le principali tappe del divieto di cumulo, conferma che la pensione di anzianità dei dipendenti privati è subordinata alla risoluzione del rapporto di lavoro; in caso contrario, infatti, non pare possibile percepire il trattamento pensionistico.
L'eliminazione progressiva del divieto di cumulo tra pensioni e reddito è stato più volte ripreso dal legislatore nel corso degli anni, fino a giungere all'articolo 19 del decreto legge 112/2008 che ha "liberalizzato" definitivamente la materia. I giudici di Piazza Cavour hanno rilevato come il carattere eccezionale della disciplina non può essere derogato da norme successive aventi valenza generale.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio