PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IPOTESI TERZO MANDATO NEI COMUNI PIU' PICCOLI

Il Disegno di legge sulla Carta delle Autonomie, approvato alla Camera il 30 giugno 2010, ma fermo al Senato da quasi due anni, è stato rispolverato dai due relatori Andrea Pastore ed Enzo Bianco, i quali hanno presentato un pacchetto di emendamenti che presenta diverse sorprese.
Innanzitutto, è stata presentata una proposta di deroga al limite del doppio mandato per i Comuni sotto i cinquemila abitanti: per tali enti, infatti, il divieto di ricandidarsi sancito dall'art. 51 del Tuel dovrebbe applicarsi "allo scadere del terzo mandato consecutivo".
In secondo luogo, viene proposto di reinserire la figura del difensore civico, soppressa dalla L. 42/2010. L'istituzione dell'intermediario tra il cittadino e la Pubblica Amministrazione, secondo l'emendamento, dovrebbe essere previsto solo negli statuti delle Province, con il compito di garantire l'imparzialità ed il funzionamento dell'ente, anche tramite segnalazioni di propria iniziativa.
Viene rivista anche la disciplina dell'albo dei segretari comunali, soppresso a livello nazionale nel 2010 ed attualmente articolato a livello regionale. I relatori del provvedimento propongono che esso divenga articolato in cinque macrosezioni: Nord-Est, Nord-Ovest, Centro, Sud ed Isole. Inoltre, l'elenco dei segretari dovrebbe essere amministrato da un consiglio di amministrazione, nominato attraverso un Dpcm. Dovrebbe essere composto da due sindaci nominati dall'Anci, un presidente di provincia designato dall'Upi, tre segretari comunali provinciali eletti tra gli iscritti, tre esperti designati dalla Conferenza Stato-Città.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<ottobre 2017>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio