PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IL MANCATO RISPETTO DEL PATTO COLPISCE LE INDENNITA' DI TUTTI GLI AMMINISTRATORI.

Con deliberazione n. 155/2012, la Corte dei Conti - Sezione regionale di controllo per la Lombardia ha fornito chiarimenti sulle modalità di calcolo delle riduzioni previste sulle indennità di funzione e gettoni di presenza degli amministratori locali.
In particolare, un comune lombardo chiedeva chiarimenti sull'applicazione delle riduzioni previste dall'art. 7, comma 2 del D.Lgs. 149/2011, come sanzioni per il mancato rispetto del Patto di stabilità 2011, anche agli amministratori neoeletti in seguito all'ultima tornata elettorale amministrativa del 6 e 7 maggio 2012. In proposito, la Sezione lombarda della Corte dei Conti ha affermato che la riduzione delle indennità, pari al 30% della misura in godimento al 30 giugno 2010, colpisce sia gli amministratori uscenti che i nuovi, perché la norma in oggetto non lascia alcun margine di discrezionalità agli enti locali che non hanno rispettato il Patto di stabilità. Infatti, lo scopo dell'articolo 7, comma 2, del D.Lgs. n. 149/2011 è quello di "colpire" per intero tutti gli organi istituzionali dell'ente che hanno permesso di non rispettare il Patto di stabilità 2011.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio