PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SULLA CERTIFICAZIONE DEI DEBITI DELLA PP.AA. INCOMBE IL PATTO.

Lo schema di decreto sui debiti delle p.a., predisposto dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, attende il vaglio della Conferenza Unificata.
Ai sensi degli articoli 5 e 6 del nuovo decreto, gli enti locali devono certificare, entro 60 giorni, i crediti per somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti (il termine potrebbe ridursi a 30 giorni se venisse accolto l'emendamento al dl sulla spending review); decorso inutilmente il termine, si procede, entro 10 giorni, alla nomina di un commissario ad acta, che provvede nei successivi 50 giorni adottando "forme compatibili ai vincoli del Patto". L'articolo 2 del decreto, infatti, prevede che i pagamenti in conto capitale degli enti locali conseguenti alle certificazioni concorrono al perseguimento degli obiettivi del patto di stabilità interno.
La certificazione dei crediti delle imprese, dunque, impone a Comuni e Province maggiore attenzione nella programmazione della spesa; e lo stesso vale per i mini-enti che dal 2013 saranno soggetti al patto e che già da ora devono tener conto dei relativi vincoli nella loro programmazione finanziaria.
Nella certificazione, in particolare, deve essere specificata la data in cui il pagamento sarà effettuato, che comunque non potrà essere superiore a 12 mesi dalla data dell'istanza da parte del creditore; sempre entro 12 mesi dovrà essere effettuato anche il versamento all'agente della riscossione dell'importo oggetto della certificazione, nel caso in cui il creditore si sia avvalso della possibilità di compensare il proprio credito con somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo.
Il timore è che l'obbligo di certificazione esaurisca la capacità finanziaria degli enti, rallentando i nuovi pagamenti o l'assunzione di nuovi impegni di spesa; o ancora peggio, che gli enti rifiutino di emettere le certificazioni o le emettano senza indicare la data del pagamento, con conseguenti problemi di classificazione del debito e dei rapporti con le banche.
L'auspicio è dunque quello di una profonda revisione del Patto che allenti i vincoli di finanza pubblica.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio