PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SANZIONI PER IL DIRIGENTE CHE NON VIGILA SULLE ASSENZE

La Pa è tenuta a disporre la visita fiscale anche nell'ipotesi di assenza per malattia di un solo giorno da parte del dipendente, come stabilito dall'articolo 55-septies, comma 5 del Dlgs n. 165/2001. Solo in taluni casi, a esempio per stati depressivi o visite ed esami diagnostici di un solo giorno, debitamente certificati dal medico convenzionato, la richiesta della visita deve essere vagliata alla luce delle esigenze funzionali e organizzative dell'ente pubblico.
Il responsabile della struttura in cui lavora il dipendente, nonché il dirigente eventualmente preposto all'amministrazione del personale, ognuno in ragione delle proprie competenze, curano l'osservanza e l'applicazione delle disposizioni normative, al fine di prevenire o contrastare, nell'interesse della funzionalità dell'ufficio, le condotte assenteistiche. Si è voluto pertanto coinvolgere fattivamente la dirigenza attribuendole un dovere di vigilanza ribadito dal ministro della Pubblica amministrazione e dell'innovazione con circolare n. 7/2009, pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» n. 41 del 19 febbraio 2010.
L'inadempimento colposo di tale dovere di vigilanza, ove accertato, previa contestazione e nel rispetto del principio del contraddittorio, può comportare, secondo l'articolo 21 del Dlgs a 165/2001, una sanzione a carico del dirigente, consistente nella decurtazione della retribuzione di risultato, alla quale potrebbe aggiungersi la sanzione prevista dall'articolo 55-sexies, comma 3, del medesimo Dlgs per il mancato esercizio o per la decadenza dell'azione disciplinare in seguito a omissioni del dirigente.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio