PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

TAGLI ART. 6 DL 78/2010: L'ENTE DECIDE DOVE TAGLIARE.

La Corte Costituzionale ha ribadito che il legislatore può imporre vincoli alle politiche di bilancio degli enti territoriali stabilendo solo limiti "complessivi".
Nella sentenza n. 139/2012, depositata il 4 giugno scorso, i giudici costituzionali hanno dichiarato non fondate le questioni di legittimità sollevate da alcune Regioni in riferimento all'articolo 6 del D.L. n. 78/2010, il quale nel dettare norme per la riduzione dei costi degli apparati amministrativi avrebbe imposto vincoli puntuali alle autonomie territoriali limitando la loro libertà di ripartire le risorse fra i diversi ambiti di spesa.
Per la Corte Costituzionale, al contrario, le norme dell'articolo 6 citato devono essere interpretate nel senso che i tagli non operano direttamente nei confronti delle Regioni ma rappresentano solo disposizioni di principio (ai fini del coordinamento della finanza pubblica) per esse e gli altri enti ed organismi regionali.
Ciò significa che gli enti locali possono decidere autonomamente come operare le riduzioni di spesa, determinando innanzitutto l'impatto complessivo degli effetti dell'articolo 6 calcolato per ogni singola voce sottoposta a taglio (spese per consulenze, organizzazione di mostre e convegni, spese di rappresentanza, formazione emissioni).
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio