PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

PER GLI ENTI LA SFIDA DEL FUTURO SARA' LA SEMPLIFICAZIONE.

La semplificazione è venuta assumendo talora il valore di uno slogan, ma corrisponde ad un complesso di fenomeni di grande rilevanza, che da circa vent'anni si sono sviluppati nei sistemi di diritto amministrativo, soprattutto nei Paesi occidentali. La spinta iniziale è venuta senz'altro dall'Ocse, i cui libri bianchi del 1997, 2003 e da ultimo 2010 hanno dato forte impulso all'eliminazione degli ostacoli burocratici definiti «red tapes».
L'Unione Europea, si è mossa poi nella stessa direzione a partire dalla cosiddetta «strategia di Lisbona» del marzo 2000, che ha impresso una rilevante accelerazione alle dinamiche pro-concorrenziali, in specie nell'ottica della rimozione delle barriere alla realizzazione del mercato unico, della promozione dello small business, dell'armonizzazione delle regole che disciplinano l'accesso alle attività economiche, del favore per la crescita e per l'eliminazione delle incertezze che possono limitarla, impedendo l'avvento di un modello economico-sociale più aperto.
Viene di solito richiamata come esemplare a questo proposito la direttiva 2006/123/Ce sui servizi nel mercato interno, che aspira a rappresentare una sorta di nuova costituzione economica in assenza della costituzionalizzazione dei Trattati.
La supremazia del mercato trova così espressione per una pluralità di canali che si esprimono a livelli diversi ma tutti insieme in grado di trasformare radicalmente la struttura dei sistemi amministrativi. La semplificazione, ideologicamente neutra, è indifferentemente compatibile con il liberismo neo-conservatore, con il comunitarismo localistico, con il laburismo moderato, con il democratismo riformista.
Classificarne le forme non è facile, ma procedendo dall'alto al basso del sistema delle fonti si possono ricondurre ad essa anzi tutto le misure semplificatorie della produzione normativa secondaria, regolamenti e fonti equiparate: anzi tutto la regulatory impact analysis; in secondo luogo le fasi partecipate della produzione delle norme di autonomia regolamentare, definite negli Stati Uniti «reg-neg».
Un secondo tipo di strumenti semplificatori investe il lessico e le terminologie. In Europa, ad esempio, è stato adottato il common procurement vocabulary per unificare il sistema degli appalti pubblici. A questa famiglia è riconducibile l'impiego sempre più diffuso ed obbligatorio di nuove tecnologie, che facilitano l'accesso dei terzi alla p.a. e comportano accelerazione alle procedure pubbliche che coinvolgono privati.
Un terzo tipo di misure riguarda le tecniche budgetarie pubbliche, razionalizzate per rendere la contabilità di Stato ed enti pubblici più simile a quella delle imprese private e per rendere più trasparente e facilmente leggibile il bilancio dei soggetti pubblici.
Un quarto gruppo di tecniche investe il ricorso a tecniche alternative della soluzione di controversie tra privati e soggetti pubblici, sull'esempio della Alternative dispute resolution (Adr) collaudata negli Usa: si ricercano, in altre parole, strumenti di tutela rapidi e meno costosi del sistema giudiziario, anche se spesso meno trasparenti.
Un'altra vasta tipologia di misure concerne il procedimento amministrativo, spesso con ricadute significative sull'organizzazione pubblica: il silenzio dell'amministrazione viene interpretato in modo significativo, così da rendere inutili fasi di interpello o comunque intese a fare esprimere il soggetto pubblico; talora esso assume valenza di segno affermativo rispetto al provvedimento richiesto; i termini vengono per l'azione amministrativa vengono ridotti, spesso ai minimi termini praticabili; la conduzione del procedimento viene responsabilizzata attraverso l'individuazione di un solo funzionario preposto, in modo da mettere il privato in contatto con un solo interlocutore, e allo stesso scopo serve lo sportello unico, che unifica procedimenti e sub-procedimenti in rapporto ai soggetti esterni; si introducono unificazioni istruttorie e decisorie mediante la conferenza, organo temporaneo che riunisce organi ed uffici per una valutazione congiunta degli interessi, in specie pubblici, in gioco.
I provvedimenti amministrativi tendono a perdere discrezionalità e ad assumere carattere vincolato o semi-vincolato. Da ultimo, con una accentuazione della responsabilità del privato richiedente, il provvedimento conclusivo della serie procedimentale può venire sostituito da una mera comunicazione o denuncia di inizio attività, con cui il privato che aspira a porre in essere un'attività regolamentata garantisce la conformità della propria iniziativa alla disciplina regolamentare, salva l'esecuzione di controlli ex post, non di rado entro un termine tassativo.
La logica comune di queste forme semplificatorie si trova nella sussidiarietà orizzontale, cioè nella esternalizzazione verso la società civile e il mercato di competenze tradizionalmente amministrative, legate ad attività provvedimentali o certificatorie. In questi casi l'istruttoria amministrativa viene sostanzialmente elisa surrogata da una sorta di procedimento amministrativo privato e auto responsabile, integrato da verifiche successive; cade quindi la necessità di autorizzazione amministrativa e le situazioni giuridiche soggettive assumono natura diversa dal passato; in altre parole, si realizza un diverso equilibrio di interessi, in cui le regole procedurali assumono una valenza meramente esterna.
La logica sussidiaria è comune poi a un altro gruppo assai eterogeneo di fattispecie semplificatorie, che include le public-private partnerships, che induce destrutturazione e ricostruzione di procedure e apparati pubblici, stimolando la ricerca di nuove forme collaborative. La genesi finanziaria di queste forme di azione è evidente, ma la creatività che ne può derivare è ovvia.
All'estremo dello spettro di misure semplificatorie si trovano ovviamente le privatizzazioni sostanziali, che comportano la cessione al mercato della proprietà pubblica dei mezzi di produzione in passato a rilevante presenza pubblica centrale o locale.
Al di là degli slogan, la semplificazione è il crocevia di un complesso di massicci processi trasformativi delle procedure e dell'organizzazione amministrativa.
Gli enti locali sono toccati in profondità da regole come quelle dell'art. 14.2 del dlgs 59/2010 e prima ancora dell'art. 38.2 del dl 112/2008: questi regimi sono stati pensati per una uniformità su base nazionale che tende a escludere differenziazioni regionali, in nome della concorrenza e del suo potenziale unificante. La Corte costituzionale (sent. 265/2006) considera le relative regole principi fondamentali che governano le competenze legislative concorrenti delle regioni.
Al di fuori dell'impatto in termini di valorizzazione del mercato, le ricadute amministrative, finanziarie e contabili per gli enti locali sono molto rilevanti. Dalla riconversione di uffici da istruttoria a vigilanza e controllo, dalle esigenze formative del personale, dalla rivalutazione degli standard di efficienza e costo, all'adeguamento del regime contabile ed a tecniche innovative di reperimento delle risorse finanziarie, le novità introdotte e da introdurre sono numerose e incisive. La sfida del prossimo decennio si trova anche per gli enti locali su questo terreno.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio