PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SPENDING REVIEW: CANTIERE APERTO.

Calendario più lungo per attivare il fondo di svalutazione sui residui attivi (le vecchie entrate accertate ma non riscosse), esclusione delle società strumentali attive nelle funzioni fondamentali dei Comuni e nella cultura dalla tagliola generalizzata, una clausola sociale per quelle che comunque dovranno chiudere i battenti. Sono i punti del capitolo enti locali su cui hanno lavorato fino alla tarda serata di ieri i relatori alla legge di conversione del Dl sulla revisione di spesa. Ritocchi che mirano a risolvere alcuni problemi applicativi ma non cambiano la sostanza e i pesi dell'intervento, amara per gli amministratori locali.
Lo conferma l'incontro, «andato malissimo» secondo il presidente dell'Anci Graziano Delrio, che si è tenuto ieri tra il ministro Piero Giarda e una delegazione dei sindaci dopo la manifestazione al Senato.
Sul fondo di svalutazione, che chiede di mettere da parte fin dal preventivo 2012 una somma pari alle entrate tributarie ed extratributarie risalenti a prima del 2007, mai riscosse e ora inesigibili, l'ipotesi è quella di allungare i tempi. I relatori lavorano a una scansione dell'obbligo in due-tre anni, ma l'alternativa potrebbe essere quella di rimanere ancorati al 2012 ma non vincolando l'obbligo al preventivo, ragionando sugli utilizzi degli avanzi per dare qualche mese in più agli enti.
Le cifre in gioco sono importanti: nei Comuni i residui più vecchi di 5 anni sono 2,3 miliardi: quasi 700 milioni si concentrano a Napoli, 180 sono a Palermo mentre a Torino sono 257 (e non 499 come erroneamente riportato ieri). Lo scopo della norma è evitare di finanziare spese reali con avanzi basati su fondi inesistenti, ma sui tempi si discute perché nei Comuni in cui queste entrate sono effettivamente inesigibili e mancano fondi di garanzia l'obbligo immediato imporrebbe di bloccare risorse ulteriori.
Partita aperta anche sulle società strumentali, che secondo il Dl varato dal Governo dovrebbero essere tutte alienate o sciolte entro il 2013. In questo caso l'idea è di escludere dalla tagliola le realtà attive nelle funzioni fondamentali dei Comuni (riscritte dallo stesso decreto) e nella cultura, anche per evitare, come spiega Paolo Giaretta (Pd, relatore insieme a Gilberto Pichetto Fratin, del Pdl) «effetti indesiderati su realtà importanti come la Fenice o l'Arena». Prevista anche l'introduzione di una clausola sociale, per inserire la tutela dell'occupazione tra gli elementi di valutazione nei bandi. Nessun intervento in vista, almeno per ora, sul versante delle liberalizzazioni.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio