PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

APPALTI SENZA COPERTURA FINAZIARIA: DANNO ERARIALE.

Con sentenza n. 14785/2012, la Corte di Cassazione docile - Sez. I ha sancito che sono imputabili all'ente solo gli atti di acquisizione di beni e servizi che trovano giustificazione in una delibera autorizzativa e relativa copertura finanziaria.
Secondo la Suprema Corte, nel rispetto dei principi di legalità e correttezza, senza una delibera autorizzativa il contratto d'appalto non può essere ricondotto all'ente pubblico ma solo al funzionario responsabile che ha autorizzato i lavori, con conseguente attribuzione di responsabilità solo al predetto funzionario, che risponde di danno erariale.
Per questi motivi, la Corte di Cassazione civile, con sentenza 4 settembre 2012, n. 14785, ha respinto il ricorso presentato da una società contro il comune che non aveva pagato il corrispettivo di un contratto d'appalto sottoscritto anni prima. Per i giudici, infatti, il mancato pagamento del dovuto non è in contrasto con i principi di correttezza e buona fede poiché la loro violazione determina l'inesistenza di un rapporto diretto tra la pa e il soggetto terzo contraente.
In definitiva, l'assenza di un valido impegno di spesa determina l'impossibilità di imputare all'ente l'obbligazione derivante dal contratto.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio