PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

GLI IMMOBILI OGGETTO DI DICHIARAZIONE IMU.

La casistica degli immobili i cui proprietari saranno chiamati alla dichiarazione Imu 2012 è piuttosto ampia. A partire da quelli locati, senza distinzioni (stando alla bozza delle istruzioni): la denuncia dovrà essere presentata anche se si tratta di locazioni precedenti al 2012. Non è richiesta alcuna indicazione in ordine alla tipologia di locazione (canone concordato o di mercato) o di immobile. Di fatto, per milioni di proprietari scatta un obbligo che sinora, con l'Ici, era sconosciuto a meno che non si volesse beneficiare delle agevolazioni previste per chi applicava i canoni «concordati», cioè in meno del 20% dei casi.
Il secondo posto spetterà probabilmente all'abitazione principale: è vero che non esiste l'obbligo dichiarativo, neppure in caso di applicazione della maggiorazione della detrazione di 50 euro per i figli conviventi. Ma se i coniugi hanno residenze distinte nello stesso comune, le agevolazioni Imu si applicano solo a uno dei due immobili e occorrerà dichiarare l'unità agevolata. Inoltre va dichiarata l'ex casa coniugale assegnata in sede di separazione, da parte del coniuge assegnatario. Se poi la casa è costituita da due unità contigue, accatastate separatamente, solo una delle due beneficia delle agevolazioni.
Chi compra una casa nel 2012 può evitare la dichiarazione, grazie al Mui (modello unico informatico) attivato dal notaio. Stesso discorso per chi la eredita, dato che le denunce di successione vengono trasmesse ai comuni dall'agenzia delle Entrate. L'acquisto di aree edificabili va invece denunciato.
Per far valere le nuove agevolazioni Imu la dichiarazione va comunque fatta: è il caso degli immobili d'interesse storico artistico (l'Imu è dimezzata). Nella bozza delle istruzioni è previsto l'obbligo della dichiarazione e non viene specificato se questo vale anche se l'agevolazione era goduta già prima, con l'Ici; quindi andrebbero dichiarati in ogni caso.
Obbligo generalizzato, invece, per i beni immobili d'impresa e dei soggetti Ires, anche se il comune non ha deliberato alcuna riduzione di aliquota. I beni d'impresa sono gli immobili contabilizzati nel patrimonio aziendale, a prescindere dalla loro destinazione: beni merce, immobili patrimonio e beni strumentali. Tra le unità in possesso dei soggetti Ires rientrano anche quelle degli enti non commerciali, che peraltro vanno denunciati anche se esenti da Imu e anche se già dichiarati come tali ai fini Ici.
Da ultimo, le istruzioni indicano obbligo residuale in tutti i casi in cui il Comune possa non essere a conoscenza di dati catastali che siano comunque rilevati ai fini Imu.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio