PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

DECRETO LEGGE ENTI LOCALI: VOTO ALLA CAMERA

Tempi supplementari per il Dl enti locali. La Maggioranza è stata battuta ieri alla Camera sulla proposta dell'Opposizione di invertire l'ordine del giorno per l'approvazione. Per tre voti, è stato deciso quindi che il via libera al decreto avverrà oggi. Il provvedimento fissa al 2011 l'obiettivo del taglio del 20% alle poltrone degli enti.
Anche se la riduzione del numero degli assessori comunali e provinciali inizierà già nel 2010. Il testo prevede inoltre il salvagente per i debiti del Comune di Roma. La gestione ordinaria del Comune sarà infatti rigidamente separata da quella straordinaria per il rientro dei debiti. Il commissario straordinario, che verrà nominato entro un mese dall'ok definitivo al Dl, non sarà più il sindaco. In capo alla gestione commissariale che dovrà innanzitutto fare una valutazione dello stato del disavanzo, andranno anche tutti i debiti relativi al periodo antecedente l'elezione di Alemanno, il 28 aprile 2008. Inoltre, con decreto del presidente del Consiglio la presentazione del bilancio di previsione 2010 e del rendiconto 2009 potrà essere differita.
Il decreto va incontro anche alle amministrazioni di Brescia e Reggio-Emilia. A partire dal 2009, infatti, i Comuni che nel 2007 hanno percepito dividendi determinati da operazioni straordinarie di società ex municipalizzate vengono esclusi dal patto di stabilità. Sul fronte delle imposte, invece, slitta dal 31 marzo al 31 maggio il termine per la presentazione dell'Ici sui fabbricati rurali. Vengono stanziati poi una serie di fondi per i piccoli Comuni.
FONTE: FINANZA & MERCATI

SCADENZIARIO

<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio