PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IMU E FONDO DI RIEQUILIBRIO: POSSIBILE REVISIONE DEI TAGLI.

Si avvicina alla soluzione la lunga querelle fra ministero dell'Economia e sindaci sulle stime di gettito Imu che governano i tagli al fondo di riequilibrio. Negli ultimi giorni si è infittito il lavoro sulle stime ufficiali ricevute dai sindaci ad agosto, che in 1.500 Comuni (secondo stime dell'Ifel) si erano rivelate molto più generose rispetto alla realtà e rischiavano quindi di comportare un taglio ingiustificato.
Il decreto «Salva-Italia» (articolo 13, comma 17 del Dl 201/2011) prevede infatti che ai Comuni venga tolta la differenza fra il gettito Imu stimato dall'Economia e il gettito Ici del 2010, per cui al crescere della prima voce aumentano i tagli.
Nei prossimi giorni tutti i sindaci riceveranno le stime riviste e, con qualche piccola eccezione, la distanza fra la nuova stima e il gettito effettivo desumibile dall'acconto non dovrebbe essere superiore al 15 per cento. I nuovi numeri arrivano così in extremis per chiudere definitivamente i bilanci preventivi 2012, che dovranno essere approvati insieme alle aliquote Imu finali entro la fine del mese.
Il meccanismo è chiamato a distribuire anche i sacrifici imposti dalla spending review, che il decreto enti locali ha trasformato da tagli a obbligo di riduzione dell'indebitamento. La distribuzione sarà guidata da parametri basati sui consumi intermedi ma corretti con le analisi sui fabbisogni standard elaborati da Ifel e Sose.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<ottobre 2018>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio