PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

DIRETTIVA PAGAMENTI: I LAVORI PUBBLICI A RISCHIO ESCLUSIONE.

I lavori pubblici rischiano di essere esclusi dal recepimento della direttiva Ue 2011/7 in materia di pagamenti.
I lavori pubblici rischiano di essere esclusi dal recepimento della direttiva Ue 2011/7 in materia di pagamenti. Le associazioni imprenditoriali delle costruzioni chiedono al Governo italiano di chiarire in modo inequivocabile la questione. Da contatti informali con l'Ue, l'Ance ha avuto rassicurazioni che i lavori pubblici non possono essere esclusi dal recepimento della direttiva, anche se a pesare è il fatto che nella precedente direttiva sui pagamenti i lavori pubblici in realtà erano stati esclusi. L'allarme nasce proprio dal fatto che il nuovo D.Lgs. va a modificare il vecchio provvedimento senza innovarlo sul punto specifico. E dal Ministero dell'economia e dalla Ragioneria generale dello Stato non sono arrivate interpretazioni esaustive su una questione che comporterebbe una rivoluzione nel sistema di pagamenti dell'intera pubblica amministrazione. Passare da 30 a 60 giorni dal 1° gennaio non è un'impresa realistica se tutta una serie di procedure autorizzative e di vincoli non vengono rese coerenti con l'obiettivo. Qualsiasi diversa interpretazione comporterebbe una disparità di trattamento inaccettabile e un disallineamento solo italiano rispetto alle prescrizioni delle istituzioni europee, che hanno esplicitamente inserito un riferimento al settore dei lavori pubblici e che porterebbe inevitabilmente all'apertura di una procedura di infrazione per la non corretta applicazione della direttiva.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio