PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

REGIONI ED ENTI LOCALI CHIAMATI A STILARE UN PIANO ANTI CORRUZIONE.

Le nuove disposizioni contenute nella legge anticorruzione, Legge n. 190/2012, entrata in vigore lo scorso 28 novembre, si applicano anche alle Regioni e agli Enti locali in quanto norme "di diretta attuazione del principio di imparzialità di cui all'articolo 97 della Costituzione".
Il legislatore ha espressamente esteso l'ambito di applicazione delle disposizioni della legge anticorruzione agli enti territoriali, specificando che modalità e tempi saranno individuati attraverso specifiche intese da raggiungere entro fine marzo (ovvero 120 giorni dall'entrata in vigore della legge) in sede di Conferenza Stato - città e Autonomie locali.
Lo stesso legislatore ha individuato anche il contenuto delle intese: innanzitutto, esse dovranno fissare i contenuti minimi obbligatori del piano anticorruzione, la sua struttura nonché i termini per la prima adozione e le successive modifiche; in secondo luogo, nelle intese dovranno essere specificati modalità e tempi per la trasmissione del piano sia alla regione che al Dipartimento della Funzione pubblica ed alla Autorità nazionale anticorruzione, ovvero la CiVIT.
Infine, la Conferenza Stato- città dovrà anche stabilire i principi fondanti dei regolamenti che tutte le pa dovranno approvare per individuare gli incarichi che i propri dipendenti non possono ricevere da parte di altri soggetti nonché le modalità di adozione del codice di comportamento dei dipendenti pubblici.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio