PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IMU: COLTIVATORI DIRETTI E DICHIARAZIONE.

Gli imprenditori agricoli a titolo principale – coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (Iap) iscritti alla previdenza – che hanno già denunciato tale qualità ai fini Ici non devono presentare la prima dichiarazione Imu solo per confermare questa qualifica. E questo, anche se si tratta di società. Non rileva, infatti, la circostanza che il perimetro delle agevolazioni è mutato rispetto al passato. La precisazione giunge dalla risoluzione n. 2/DF del 18 gennaio 2013 del Dipartimento delle politiche fiscali.
La tesi ministeriale, tuttavia, non pare condivisibile. In primo luogo, sotto il profilo formale, mentre le agevolazioni Ici per il settore agricolo erano imperniate sulla nozione di imprenditore agricolo a titolo principale, nell'Imu il riferimento è al soggetto Iap. Vale ricordare, tra l'altro, come la qualifica di Iap possa competere alle società – di persone e di capitali – mentre il previgente articolo 58, Dlgs 446/1997, limitava il beneficio alle sole persone fisiche. Si è quindi in presenza di un evidente mutamento delle condizioni soggettive dei benefici di legge che rende incompatibile la denuncia presentata ai fini del vecchio tributo. Il ministero dell'Economia sembra peraltro ritenere, del tutto implicitamente, che, anche ai fini Ici, la nozione di imprenditore agricolo a titolo principale debba considerarsi sostituita da quella di imprenditore agricolo professionale. Si tratta però di tesi tutta da dimostrare, che contrasta con il dettato di cui al suddetto articolo 58, Dlgs 446/1997, e che pertanto non può essere data per scontata.
Non è inutile peraltro ricordare che la Corte di cassazione si è ripetutamente espressa nel senso della inapplicabilità delle agevolazioni Ici in favore delle società di capitali agricole (sentenze n. 21761/2009 e n. 11434/2010).
Da ultimo, la risoluzione ricorda l'importante agevolazione a mente della quale le aree edificabili possedute e condotte da soggetti Iap si considerano terreni agricoli. Ciò vale anche se uno o più dei comproprietari non possiede la qualifica in oggetto.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio