PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

TARES: COSTITUZIONE DEL PIANO FINAZIARIO.

La copertura delle perdite su crediti va effettuata nell'esercizio di competenza, cioè nell'esercizio in cui si manifestano in maniera certa e precisa gli elementi che ne determinano l'inesigibilità.
I crediti inesigibili, per la parte non coperta dai fondi svalutazione o rischi o da garanzia assicurativa, devono essere contabilizzati fra i Ccd (costi comuni diversi), in base al principio di integrale copertura degli oneri di gestione.
Con le linee guida per la redazione del piano economico finanziario, il ministero dell'Economia chiarisce in maniera completa i principali aspetti operativi della Tares. Poiché il piano economico finanziario va redatto secondo i principi imprenditoriali applicati nei bilanci delle società di capitali, le disposizioni contenute nel documento ministeriale devono intendersi riferite anche alla Tares. Questi principi vanno però coordinati con la disciplina specifica delle obbligazioni tributarie, e dunque l'inesigibilità di un credito va verificata anche in riferimento alle procedure esecutive per l'esazione dei tributi.
Sui crediti esigibili, le linee guida suggeriscono l'accantonamento al fondo svalutazione o rischi almeno nella misura minima fiscalmente riconosciuta, cioè per l'importo corrispondente allo 0,5% annuo del loro valore nominale, e comunque entro il limite complessivo del 5% della somma risultante al termine dell'esercizio.
Dai costi comuni devono invece essere portate in deduzione, con riferimento all'anno di effettivo incasso, le entrate derivanti dall'attività di recupero dell'evasione, nonché il contributo a carico del Miur per le scuole statali.
Tra i costi da inserire nel piano finanziario sono sicuramente comprese le riduzioni, cioè gli abbattimenti tariffari applicabili a fattispecie che presentano una ridotta attitudine a produrre rifiuti o comunque a fruire del pubblico servizio di gestione degli stessi.
Diversa è invece la situazione per ciò che concerne le agevolazioni, cioè tutte le forme di contribuzione a carattere socio economico, che possono essere iscritte nel bilancio comunale quali autorizzazioni di spesa e la cui copertura deve essere assicurata dalla fiscalità generale, non dai proventi derivanti da tariffa.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<maggio 2019>
lunmarmergiovensabdom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio