PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SCADE OGGI IL TERMINE PER COMUNICARE I DATI ICI E ISCOP

Scade oggi il termine per la trasmissione dei dati relativi ai versamenti effettuati a titolo d'imposta comunale sugli immobili (Ici), di imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche (Iscop) e di relative sanzioni e interessi. Gli enti inadempienti rischiano la sospensione del pagamento dell'ultima rata del contributo ordinario. Lo ha ricordato il Dipartimento delle finanze - Direzione federalismo fiscale che con nota n. 5239/2010 del 15 marzo 2010 ha illustrato le modalità che comuni, agenti della riscossione, Poste e affidatari del servizio di riscossione devono seguire per effettuare la trasmissione dei dati relativi ai versamenti dell'Ici e dell'Iscop per l'anno 2009, nonché di quelli relativi a sanzioni e interessi relativi ad annualità precedenti, riscossi fino al 31 gennaio 2010.
La trasmissione deve essere effettuata utilizzando esclusivamente il canale telematico Entratel reso disponibile allo scopo. Le nuove istruzioni seguono a quelle già fornite con nota prot. 25281 del 15 ottobre 2009, ma per la trasmissione dovrà essere utilizzata la seconda versione del pacchetto software per la «Predisposizione invio telematico dei dati Ici/Iscop», rivista e aggiornata rispetto alla precedente, che è già disponibile ed è scaricabile dalla sezione dedicata alla Fiscalità locale sul sito www.finanze.gov.it. Le ulteriori informazioni che sono state fornite dal ministero riguardano:
- gli importi dei versamenti effettuati presso la tesoreria comunale che devono includere anche quelli riscossi mediante bollettino di conto corrente postale a valere su conto corrente postale intestato al comune, nel caso in cui quest'ultimo non abbia stipulato l'apposita convenzione denominata «bene comune» con Poste;
- la possibilità di avvalersi del servizio di assistenza tramite «Call & Contact Center» al numero verde 800 863116, per la soluzione delle problematiche di tipo tecnico e funzionale.
Di particolare interesse è il richiamo ai molti comuni che finora non hanno ancora provveduto alla trasmissione dei dati in questione nei confronti dei quali potrebbe applicarsi la disposizione dell'art. 1, comma 170, della legge n. 296 del 2006 in base al quale «ai fini del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario e in attuazione dell'articolo 117, secondo comma, lettera r), della Costituzione, gli enti locali e regionali comunicano al ministero dell'economia e delle finanze i dati relativi al gettito delle entrate tributarie e patrimoniali, di rispettiva competenza.
Per l'inosservanza di detti adempimenti si applicano le disposizioni di cui all'articolo 161, comma 3, del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al dlgs 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni». Detta norma accorda al ministero dell'interno il potere di sospendere il pagamento dell'ultima rata del contributo ordinario relativo all'anno in cui avviene l'inadempienza.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio