PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

ENTI VIRTUOSI PENALIZZATI DALLO SBLOCCA DEBITI.

Uno dei problemi che il lavoro parlamentare sulla legge di conversione del Dl 35/2013 sullo sblocco dei pagamenti arretrati della Pubblica amministrazione è legato alle eccessive penalizzazioni che colpiscono gli enti «virtuosi».
Il provvedimento è fondamentale per portare sollievo al sistema delle imprese, oggi in gravi difficoltà finanziarie, ma ha provocato lamentele da parte degli amministratori e dei funzionari responsabili delle Province e dei Comuni soggetti al patto di stabilità, che avendo pagato i fornitori nei termini di legge e nel rispetto delle clausole contrattuali non possono beneficiare della nuova norma; ne trarranno invece vantaggio gli enti che, anche se con giustificati motivi, hanno violato leggi e contratti.
Per di più, come risulta dal modello pubblicato sul sito del ministero dell'Economia, viene assegnata priorità ai crediti in essere alla data del 31 dicembre 2012 e non ancora pagati rispetto a quelli saldati a partire dai primi giorni del 2013. Anche con questa modalità si "privilegia" il ritardo nei pagamenti.
Peraltro peggiore, e di molto, è la situazione degli enti locali che per rispettare le leggi e le clausole contrattuali non sono riusciti a raggiungere gli obiettivi del Patto di stabilità dell'anno 2012. Essi infatti sono soggetti nel 2013 a pesanti sanzioni: taglio del fondo di solidarietà o del fondo perequativo, divieto di procedere a qualsiasi assunzione di personale, riduzione della spesa corrente, taglio del 30% alle indennità degli amministratori, divieto di far ricorso all'indebitamento per finanziare investimenti, ed altre ancora.
Inoltre, secondo l'articolo 1, comma 122, della legge 220/2010, l'importo complessivo delle sanzioni finanziarie (la diminuzione dei fondi) irrogate alle Province e ai Comuni che non hanno rispettato il Patto di stabilità nel 2012, corrispondente alla somma degli "sforamenti" del patto stesso da parte dei singoli enti, sarà distribuito, in termini di maggiori spazi finanziari, agli enti che hanno rispettato il Patto di stabilità nel medesimo esercizio; pertanto anche a favore degli enti che, violando leggi e contratti, non hanno pagato i loro fornitori e, di conseguenza, hanno beneficiato della norma in esame.
Per ragioni di elementare giustizia, in sede di conversione del decreto, il Parlamento dovrebbe intervenire con norme, almeno in parte, riparatrici e compensative.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio