PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

PROROGHE IN VISTA IN FASE DI CONVERSIONE DEL DL 35/2013.

Proroga del mandato a Equitalia, omnicomprensiva di tutto il pacchetto di servizi offerti dall'ente di riscossione. Presentazione del bilancio dei comuni al 30 settembre. Esenzione per i comuni, dal pagamento dell'Imposta municipale unica sugli immobili strumentali. Restituiti 600 milioni di euro ai comuni nel biennio 2013-2014, corrispondenti alle somme pagate per l'Imu sugli immobili di proprietà degli stessi comuni negli anni 2012-2013.
Questo il contenuto degli emendamenti al testo del decreto pagamenti (35/2013), presentati ieri dai relatori Giorgio Santini e Antonio D'Alì, durante la discussione in aula al senato. Atteso quindi per oggi il via libera da palazzo Madama. Il provvedimento, che dovrà essere convertito in legge entro venerdì 7 giugno, dovrà infatti essere nuovamente approvato da Montecitorio.
Un pit stop per il decreto pagamenti. Nel giorno previsto per il via libera da parte del senato, i relatori, di concerto con il governo, hanno in realtà presentato tre emendamenti volti tutti a impattare sul bilancio degli enti locali. Proprio sui termini per la presentazione del bilancio si basa infatti una delle proposte di modifica. A oggi, infatti, i comuni sono ancora tenuti alla presentazione del bilancio entro il 30 giugno. Tale data però, a causa delle incertezze relative a Imu e Tares, si è rivelata essere problematica per molti enti locali.
Proprio per arginare delle difficoltà di questo tipo, una delle proposte avanzate dai relatori è stata quella di far slittare i termini per la presentazione del bilancio, dal 30 giugno al 30 settembre. Vengono anche spostate in avanti le scadenze delle delibere delle amministrazioni su aliquote, detrazioni e regolamento Imu. A inserirsi, poi, nel quadro del bilancio dei comuni, anche la questione attinente la proroga a Equitalia.
L'emendamento presentato, infatti, è volto a fare in modo che le competenze attribuite a Equitalia, per tutti i sei mesi di proroga concessi, riguardino a tutto campo il settore della riscossione e non siano limitate alla sola Tares. Fermo restando però che, per quei comuni che si sono organizzati in modo autonomo per la gestione del servizio di riscossione, non è prevista l'applicazione di nessun tipo di vincolo. La proroga infatti, resta facoltativa.
A chiarire a ItaliaOggi il perché di un emendamento di questo tipo, il relatore Santini, secondo cui «così come era stato formulato la scorsa settimana, l'emendamento sulla proroga a Equitalia, poteva essere frainteso nel senso di una proroga limitata solo alla riscossione della Tares, mentre invece la proroga del mandato all'ente è da intendersi in senso ampio».
Gli immobili strumentali. I comuni saranno esentati dal pagamento dell'Imu sugli immobili di categoria D: capannoni e strutture produttive. «Questa», spiega ancora Santini, «è una misura di buon senso, volta a evitare che gli enti locali siano in realtà costretti ad autopagarsi l'imposta». Se la previsione non dovesse trovare approvazione, i comuni sarebbero infatti costretti a pagare a loro stessi un'imposta, con il risultato di far rientrare dalla finestra quello che si era fatto uscire dalla porta. A prendere posizione sulla questione Imu, anche l'Anci, durante le audizioni che si sono svolte ieri presso le Commissioni riunite di finanza e lavoro alla Camera.
«È necessario che sia chiusa la vicenda sul gettito Imu 2012», ha spiegato il presidente dell'Anci, Alessandro Cattaneo, «perché le perdite annue per i comuni ammontano a circa 304 mln di euro per effetto del computo degli immobili di proprietà comunale nel gettito Imu dei comuni stessi». Altri due emendamenti presentati dai relatori e concertati con Affari regionali e Mef semplificano infine i parametri per il riparto del Fondo di solidarietà comunale per il 2013 per accelerarne le procedure di erogazione e fissano criteri più equi per la ripartizione tra i comuni della riduzione del Fondo sperimentale di riequilibrio già prevista dal dl 95/2012.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio