PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IMU: UN SOLO BENEFICIO PER FAMIGLIA ... CON QUALCHE ECCEZIONE.

Per meglio orientarsi nel gioco della sospensione della prima rata bisogna ricordare le regole valevoli nelle ipotesi di residenze disgiunte dei coniugi. Occorre distinguere a seconda che le due residenze siano ubicate nello stesso comune oppure no.
Nella prima ipotesi solo una delle due unità immobiliari può beneficiare delle agevolazioni per l'abitazione principale, a scelta dei contribuenti. L'altra sarà invece considerata come seconda casa e sarà quindi soggetta all'obbligo del pagamento.
Non rileva invece la circostanza che taluno dei figli abbia la residenza nel medesimo comune dei genitori, in un immobile di sua proprietà. In tale eventualità potranno fruire delle agevolazioni sia l'immobile di residenza dei genitori sia quello di residenza (e in proprietà) del figlio.
Le cose cambiano, invece, quando le residenze dei coniugi sono in due comuni diversi. In questo caso, secondo l'interpretazione delle Finanze (circolare n. 3/2012), devono ritenersi prevalenti le esigenze dei coniugi, per esempio di ordine lavorativo, sottese alla separazione delle residenze. Di conseguenza, i benefici possono essere applicati ad entrambe le unità immobiliari. Si tratta, in realtà, di una interpretazione estensiva della disciplina di legge, posto che la norma sembra richiedere in ogni caso che nell'abitazione principale risiedano anche i familiari del contribuente.
In caso di assegnazione dell'ex casa coniugale per separazione o divorzio va inoltre ricordato che il coniuge assegnatario è considerato, ai soli fini Imu, titolare del diritto di abitazione sull'immobile stesso e quindi è a lui che compete l'Imu, a prescindere dalle quote di proprietà. Quindi, se l'assegnatario risiede e dimora nell'ex casa coniugale, potrà fruire della sospensione della prima rata. Questo, peraltro, non impedisce che l'altro coniuge benefici ugualmente della sospensione, se possiede un immobile adibito a sua abitazione principale (circolare 2/2013 delle Finanze).
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio