PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IMU: CANCELLATO L'ACCONTO PER L'ABITAZIONE PRINCIPALE.

Il nuovo decreto legge su IMU, abitazioni e CIG cancella l'acconto Imu 2013; sul saldo invece non c'è ancora una norma di legge ma l'impegno del Governo ad eliminare l'imposta per tutto il 2013.
In pratica, il decreto legge varato il 28 agosto 2013 abolisce l'acconto Imu di giugno 2013 per tutti i soggetti che avevano beneficiato della sospensione prevista dal D.L. n. 54/2013. Esso non interviene sulla definizione di abitazione principale che rimane dunque quella contenuta all'articolo 13 del D.L. n. 201/2011, che ha stabilito i requisiti di residenza e dimora abituale necessari ai fini dell'esenzione. In base a ciò, non può essere considerata abitazione principale la casa posseduta nel comune dove il proprietario lavora se la residenza anagrafica è stabilita in altro comune; non rientrano in questa definizione neanche l'unica casa posseduta da un soggetto che però risiede in un altro comune, per esempio in affitto oppure l'immobile ad uso gratuito di un parente.
Si ricorda che insieme all'abitazione principale sono agevolate le sue pertinenze (anche se autonomamente accatastate), nel limite di un'unica unità immobiliare per ciascuna delle categorie C/2, C/6 e C/7, quindi per un massimo di tre.
Sono invece tassate a fini Imu le prime case iscritte in catasto nelle categorie A/1, A/8 e A/9 che hanno comunque versato l'acconto a giugno.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio