PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

EQUILIBRI, ASSESTAMENTO E NUOVO BILANCIO: INGORGO DI SCADENZE.

Per quest'anno, la deliberazione consiliare sulla salvaguardia degli equilibri è obbligatoria solo per i comuni che hanno approvato il bilancio di previsione entro il 31 agosto. Per gli altri, tale adempimento rimane facoltativo. È quanto stabilisce l'art. 12-bis del dl 93/2013, introdotto dalla legge di conversione (legge 119/2013, pubblicata sulla G.U. n. 242/2013).
Tale disposizione ha novellato l'art. 1, comma 381, della l. 228/2012 (legge di stabilità 2013), consentendo di differire gli «equilibri» fino alla scadenza prevista per l'approvazione del preventivo slittata al 30 novembre. Ciò, tuttavia, vale solo per gli enti che hanno già approvato il documento contabile previsionale: per questi, la nuova dead-line finisce per coincidere con quella prevista dall'art. 175, comma 8, del Tuel per la variazione di assestamento generale e si colloca paradossalmente a ridosso della presentazione dello schema di bilancio 2014 (che in teoria dovrebbe avvenire entro il 1° dicembre).
Sul tale aggrovigliarsi di scadenze, va segnalato il parere n. 437/2013 della Corte dei conti Lombardia, secondo cui i comuni possono utilizzare, in sede di bilancio di previsione, l'avanzo d'amministrazione accertato in chiusura dell'esercizio precedente anche per il finanziamento di spesa corrente se provvedono ad approvare contestualmente la variazione generale di assestamento ex art. 175 del Tuel.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<maggio 2018>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio