PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

TETTO AL 20% PER LE STABILIZZAZIONI DEL PERSONALE.

In riferimento alla stabilizzazione dei precari negli enti locali, l'Anci indica quali sono le possibili strade da seguire per stabilizzare chi ha accumulato almeno 3 anni di lavoro negli ultimi 5 anni all'interno dell'ente. La prima è il concorso con riserva di posti al 50% (articolo 1, comma 401 della Legge n. 228/2012); la seconda è il concorso integralmente riservato ai precari (con il limite del 50% dei fondi utilizzabili per le assunzioni).
Attenzione però alle norme sulla stabilizzazione contenute nel D.L. n. 101/2013 perché esse limitano le nuove assunzioni nel senso che chiedono agli enti di non dedicare alle spese di personale più del 50% delle uscite correnti e permettono di dedicare a nuove assunzioni non più del 40% dei risparmi ottenuti con le cessazioni dell'anno precedente. Pertanto, gli enti locali potranno stabilizzare il personale precario tenendo presente questi limiti, con la conseguenza che alle stabilizzazioni potrà essere dedicato al massimo il 20% delle risorse prodotte con le stabilizzazioni dell'anno precedente; negli enti di piccole dimensioni tutto ciò si traduce nell'impossibilità di realizzare i percorsi che conducono i precari nell'organico dell'ente.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<giugno 2018>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio