PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

ALLO STUDIO NUOVE RENDITE PER LE ABITAZIONI.

Uno dei cardini della delega è la riforma del catasto, attesissima da tutti, cittadini e fisco, probabilmente non con le stesse aspettative. Il testo passato al Senato è praticamente identico a quello della Camera. Questi i punti qualificanti dell'operazione che sarà avviata dall'agenzia delle Entrate e che condurrà a nuove rendite e valori catastali per circa 60 milioni di unità immobiliari:
- il valore patrimoniale medio dovrà essere stabilito sulla base del valore di mercato, espresso in metri quadrati e determinato con funzioni statistiche espresse in un algoritmo che sarà frutto delle metodologie scientifiche espresse a livello nazionale;
- la rendita catastale (utilizzata attualmente, per esempio, ai fini delle imposte sui redditi) andrà determinata con metodologie analoghe a quelle usate per il valore ma basata sul valore locativo ed espressa anch'essa in metri quadrati;
- i Comuni dovranno partecipare al processo di riforma, con un richiamo esplicito, voluto da un emendamento governativo, all'obbligo di delegare ai municipi le funzioni di «revisione degli estimi e del classamento» di cui al D. Lgs 112/98;
- andrà ridefinito il sistema delle commissioni censuarie e delle sanzioni catastali;
- le Entrate dovranno partecipare all'elaborazione di piani per lo scambio d'informazione con i Comuni: l'Agenzia – sempre in base a un emendamento di origine governativa – si sostituirà completamente in caso d'inerzia degli enti locali;
- il contribuente potrà ricorrere in autotutela sull'attribuzione delle nuove rendite catastali.
I tempi prevedibili non saranno brevi: dovendo comunque individuare decine di migliaia di immobili tipo da cui partire per l'algoritmo, serviranno almeno due anni
Per Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia, il rischio è che i valori catastali triplichino (in effetti ora sono a circa un terzo di quelli reali) ma che, almeno a livello di imposte statali, il sistema impositivo non muti «nemmeno nelle aliquote».
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio