PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IN ARRIVO DALLO STATO ANTICIPI DI LIQUIDITA'.

Un «anticipo» da 1,3 miliardi circa per evitare ai Comuni una crisi di liquidità, in grado di mettere a rischio qua e là il pagamento degli stipendi nell'attesa che le regole dei bilanci locali 2014 trovino pace. È un'altra delle previsioni aggiunte dal Governo all'ultima versione del «decreto casa», che in pratica torna sui sentieri già battuti dalla finanza locale lo scorso anno.
I problemi di cassa nascono dal fatto che i criteri di distribuzione del fondo di solidarietà comunale (l'erede "federalista" dei trasferimenti, alimentato in gran parte dall'Imu) cambiano ogni anno, e impegnano Governo e amministrazioni locali in una complessa procedura attuativa. La soluzione tampone darebbe entro il 28 febbraio una somma pari al 20% delle spettanze 2013: una scelta quasi obbligata, che però l'anno scorso non ha mancato di aumentare i problemi perché in centinaia di Comuni gli anticipi successivi avevano superato il totale spettante per tutto l'anno, obbligando le amministrazioni a restituzioni ex post.
L'anticipazione non è comunque l'unico ritocco "extra-fiscale" ai bilanci locali prospettato dal testo del Governo. Un altro ritocco riapre le porte per dirigenti a contratto anche oltre le soglie massime fissate dal Testo unico degli enti locali, fino a coprire il 30% della dotazione organica dirigenziale, e un altro allarga un po' le maglie per l'accensione di nuovi mutui. Le nuove regole sposterebbero poi dal 30 aprile al 31 dicembre i termini per dismettere (fissato nel lontano 2007) le quote in società non legate ai fini istituzionali. Prospettato infine un ampliamento dei termini per presentare le relazioni di fine mandato.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<ottobre 2018>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio