PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SOCIETA', AZIENDE SPECIALI, FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI : OBBLIGO DELLA TRASPARENZA.

Le società partecipate dagli enti locali, ma anche le aziende speciali, le fondazioni e le associazioni di cui gli enti siano parte devono soddisfare gli obblighi di trasparenza.
Il Dipartimento della funzione pubblica ha fornito una serie di interpretazioni sull'applicazione del Dlgs 33/2013, con una circolare di prossima pubblicazione, che evidenzia come tra i soggetti tenuti al rispetto degli obblighi vadano inclusi gli enti pubblici economici e tutti gli altri soggetti privati, che, al di là della loro veste giuridica, svolgano attività di pubblico interesse e che risultino in situazione di controllo.
I soggetti
L'attività di pubblico interesse è quella riferibile all'esercizio di funzioni amministrative, produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche, gestione di servizi pubblici o di concessione di beni pubblici.
Nel novero dei soggetti rientrano le società (a totale partecipazione pubblica e miste con quota di controllo), le fondazioni e le associazioni private in controllo pubblico, nonché gli enti pubblici economici (come le aziende speciali).
La sottoposizione alla disciplina del Dlgs 33/2013 comporta per tutti questi organismi l'adozione del programma triennale della trasparenza, che deve essere collegato al piano anticorruzione, nonché la preliminare nomina del responsabile della trasparenza (da scegliersi tra i dirigenti apicali dell'organizzazione), il quale si deve far carico di assicurare anche l'esercizio dell'accesso civico da parte dei soggetti interessati.
I dati
Nelle società che abbiano adottato il modello 231, il programma della trasparenza potrà essere contenuto nello stesso documento descrittivo del modello, che deve analizzare anche i rischi di corruzione secondo le indicazioni del piano nazionale.
La circolare chiarisce anche i contenuti degli obblighi di pubblicazione, precisando che, oltre ai dati sull'organizzazione, gli organismi partecipati devono pubblicare i dati previsti dall'articolo 14 del Dlgs 33/2013 (atti di nomina, compensi e curricula) sugli organi di indirizzo politico, individuati nel presidente e nei componenti del consiglio di amministrazione, designati dalle pubbliche amministrazioni di riferimento.
Per i componenti designati da soggetti privati l'obbligo non è cogente, ma la circolare auspica che possa essere comunque soddisfatto, per prevenire potenziali situazioni di conflitto.
Gli organismi partecipati devono inoltre pubblicare tutti i dati relativi agli incarichi dirigenziali, agli incarichi di consulenza e di collaborazione richiesti dall'articolo 15 del decreto trasparenza, con l'unica eccezione delle collaborazioni che non sono afferenti allo svolgimento delle attività pubbliche.
Le società partecipate, le aziende speciali, le fondazioni e le associazioni cui l'ente locale abbia aderito e che per esso svolgano attività di pubblico interesse devono inoltre pubblicare sul loro sito tutte le informazioni relative a loro partecipazioni in altre società o in altri enti, in attuazione di quanto previsto dall'articolo 22 del Dlgs 33/2013.
Qualora non adempiano a tale obbligo, non potranno erogare alcuna somma agli organismi da esse partecipati, in base all'espresso divieto del comma 4 dello stesso articolo 22.
Gli appalti
Per gli organismi partecipati (anche in via minoritaria, con riferimento alle attività di pubblico interesse svolte) sussistono anche gli obblighi di pubblicazione dei dati in materia di appalti, con relativa comunicazione all'Avcp, nonché di pubblicazione delle procedure con gara ufficiosa (articolo 37, comma 2 decreto).
Gli obblighi di pubblicazione per gli enti controllati comprendono anche quelli relativi alle sovvenzioni e ai benefici: pertanto, qualora una fondazione in cui l'ente locale partecipi ed alla quale abbia affidato attività di pubblico interesse (es. servizi sociali) conceda contributi, a questi dovrà essere data adeguata pubblicizzazione secondo quanto previsto dall'articolo 26 del Dlgs 33/2013.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio