PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

FATTURE E TEMPI DI PAGAMENTO: NUOVI OBBLIGHI IN ARRIVO.

Obbligo di mettere in piedi il registro delle fatture; obbligo di attestare nel rendiconto i tempi di ritardo nei pagamenti e sanzione, nei casi di ritardo superiore al limite di 30 giorni (60 per il 2014); monitoraggio mensile dei debiti scaduti e facoltà per i creditori di comunicare i dati delle fatture nella piattaforma elettronica. Sono i nuovi strumenti in arrivo con il disegno di legge contro i ritardi dei pagamenti delle amministrazioni pubbliche, che puntano sul potenziamento del monitoraggio e su nuove leve di prevenzione, alcune delle quali a forte impatto organizzativo.
Dal prossimo primo luglio - se i tempi del Ddl saranno rispettati - tutte le amministrazioni pubbliche dovranno protocollare, appena arrivano, le fatture (o richieste equivalenti di pagamento) per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni professionali e, entro dieci giorni, dovranno annotare nel registro fatture (con numerazione progressiva) il numero di protocollo, i riferimenti fiscali, la scadenza, l'impegno di spesa (oppure il capitolo di bilancio dove verrà effettuato il pagamento), l'eventuale rilevanza iva e, ove presenti, il Cig e il Cup. Il registro costituisce parte integrante del sistema informativo contabile, è preclusa la possibilità di usare protocolli differenziati per settore e potrà essere attivato anche tramite funzionalità della piattaforma elettronica.
Ancora, a decorrere dall'esercizio 2014 le pubbliche amministrazioni dovranno allegare al rendiconto un prospetto (firmato dal rappresentante legale dell'ente e dal responsabile finanziario) attestante l'importo dei pagamenti relativi a transazioni commerciali effettuati oltre la scadenza dei termini previsti dal Dgs 231/2002 e il tempo medio dei pagamenti. L'organo di controllo dovrà verificare le attestazioni e darne atto nella propria relazione. Per gli enti (esclusi quelli del servizio sanitario nazionale) che presentano ritardi medi superiori a 30 giorni (60 nel 2014), rispetto alla normativa del decreto 231/2002, scatta dall'anno successivo la sanzione del blocco assoluto delle assunzioni a qualsiasi titolo e tipologia contrattuale, con divieto di stipulare contratti elusivi con privati o di procedere con le stabilizzazioni.
Inoltre la riduzione degli obiettivi del patto (comma 122 articolo 1, legge 220/2010) è ripartita solo fra gli enti locali rispettosi dei tempi di pagamento.
Il monitoraggio
In attesa che le azioni di prevenzione producano effetti sono potenziate le misure di monitoraggio al fine di avviare una costante e sistematica verifica dei ritardi rispetto ai tempi fissati dalla direttiva europea.
Da un lato, i dirigenti responsabili dovranno inserire nella piattaforma elettronica, entro il 15 di ogni mese, i dati relativi ai pagamenti non estinti, certi, liquidi ed esigibili per somministrazioni, appalti, forniture e prestazioni professionali, per i quali nel mese precedente sia stato superato il limite di decorrenza degli interessi di mora. Dall'altro lato, a partire dal 1 giugno 2014, nelle more dell'avvio della fatturazione elettronica, sarà consentito ai fornitori e alle amministrazioni pubbliche di comunicare nella piattaforma i dati relativi alle fatture emesse dal 1 gennaio 2014 riportando il Cig. All'atto del pagamento di questi debiti l'ente deve inserire sulla piattaforma i dati del mandato di pagamento.
Le informazioni inserite nella piattaforma sono accessibili alle amministrazioni pubbliche e ai creditori accreditati, anche ai fini della certificazione dei crediti e del registro delle fatture. Questa misura è molto più stringente dell'obbligo di monitoraggio oggi in vigore, che, dal 30 aprile di quest'anno, chiede agli enti di trasmettere, tramite la piattaforma elettronica, l'elenco completo dei debiti certi, liquidi ed esigibili alla data del 31 dicembre dell'anno precedente. Il decreto legge sblocca debiti (Dl 35/2013) ha previsto per questo adempimento, in caso di inadempienza la sanzione pecuniaria di 100 euro per ogni giorno di ritardo nella registrazione dell'amministrazione.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio