PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

ENTI IN SPERIMENTAZIONE: BILANCIO CONSOLIDATO ENTRO IL 30 GIUGNO.

Gli enti che nel 2013 adottavano i principi previsti dal Dlgs 118/11 devono redigere il bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica entro il prossimo 30 giugno.
Il principio contabile applicato concernente il bilancio consolidato stabilisce i criteri per l'individuazione degli organismi rientranti nell'area di consolidamento, limitando i casi di esclusione alle situazioni irrilevanti o per le quali si reputa antieconomica la ricerca dei dati.
L'inserimento di società all'interno del gruppo amministrazione pubblica può contribuire a produrre conseguenze rilevanti in termini di responsabilità civile e patrimoniale.
L'articolo 2497-sexies del Codice civile introduce infatti una presunzione relativa (ovvero salvo prova contraria) di sussistenza dell'attività di direzione e coordinamento in capo all'ente o società capogruppo tenuto al consolidamento dei bilanci o che comunque esercita il controllo societario.
Secondo le disposizioni civilistiche vigenti, i soggetti che, esercitando attività di direzione e coordinamento di società, agiscono nell'interesse imprenditoriale proprio in violazione dei princìpi di corretta gestione societaria e imprenditoriale, sono direttamente responsabili nei confronti degli altri soci per il pregiudizio arrecato alla redditività ed al valore della partecipazione sociale, nonché nei confronti dei creditori sociali per la lesione cagionata all'integrità del patrimonio della società e di conseguenza per il loro diritto al credito.
L'esercizio di attività di direzione e coordinamento presuppone l'espletamento di azioni volte a coordinare la politica economica e le linee strategiche del gruppo, imprimendo una identità di indirizzi operativi a una pluralità di soggetti formalmente e giuridicamente distinti.
Tale presunzione rafforza la tesi che l'ente locale sia titolare di un potere di direzione e coordinamento e quindi dell'esistenza di una responsabilità solidale in capo all'ente locale consolidante. In altre parole, si rafforza la responsabilità, anche patrimoniale, derivante dalla gestione societaria e imprenditoriale delle proprie partecipate.
Il Documento unico di programmazione (Dup) è lo strumento di definizione degli indirizzi strategici ed operativi del gruppo amministrazione pubblica. In questo documento devono dunque trovare una sintesi le linee di mandato dell'amministrazione capogruppo, anche in riferimento alla gestione dei servizi pubblici esternalizzati e agli indirizzi di voto da fornire ai propri rappresentanti.
Gli atti di programmazione dell'ente devono dunque indicare i principi generali per l'organizzazione e gestione dei servizi pubblici locali, nonchè gli indirizzi sul ruolo degli organismi ed enti strumentali e società controllate e partecipate con riferimento anche alla loro situazione economica e finanziaria, agli obiettivi di servizio e gestionali che devono perseguire e alle procedure di controllo di competenza dell'ente.
La presunzione di responsabilità di direzione e coordinamento non si applica tuttavia a carico dello Stato (articolo 19 Dl 78/09) e questa esplicita esclusione sembra confermare quindi l'esistenza del problema in capo alla altre pubbliche amministrazioni, in termini di responsabilità e di altri doveri della capogruppo (obblighi di pubblicità e quant'altro).
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<maggio 2018>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio