PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

NUOVA CONTABILITA': ARRIVA IL DECRETO CORRETTIVO.

Recupero in dieci anni dei disavanzi creati dalla «pulitura» del bilancio dalle vecchie entrate non riscosse, e un tavolo fra Economia, Viminale e Anci per studiare gli effetti delle nuove regole.
La riforma della contabilità arriva al traguardo con il via libera ottenuto ieri in Conferenza Unificata dal decreto correttivo delle regole sull'armonizzazione contabile. A questo punto, il quadro normativo è completato, e a meno di ripensamenti in extremis scompare dall'agenda l'ipotesi di un nuovo rinvio: dal 1° gennaio 2015, quindi, i bilanci riformati con i nuovi principi contabili dovrebbero estendersi a tutti gli enti locali.
Il punto più delicato è rappresentato dall'equilibrio dei bilanci. La riforma, infatti, archivia la tradizionale contabilità finanziaria per mettere in campo il principio della «competenza rafforzata», che in pratica lega la possibilità di accertare un'entrata o di iscrivere un'uscita all'anno della loro effettiva scadenza. Tradotto, significa che nei conti comunali non si dovrebbe ricreare la montagna dei «residui», cioè delle entrate scritte nei conti ma mai tradotte nella realtà degli incassi, oppure delle spese impegnate ma mai tradotte in pagamenti effettivi.
Il problema più delicato, però, è il riaccertamento dei vecchi residui attivi, che andranno cancellati dai bilanci se non sono sostenuti da titoli effettivi per l'incasso ma rischiano di aprire buchi profondi nei conti. I disavanzi che si creeranno per questa via, prevede il correttivo, potranno essere recuperati in dieci anni, al ritmo del 10% all'anno. In questo modo si crea un percorso progressivo in grado di "accompagnare" anche gli enti più in difficoltà.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio