PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SI RIDUCONO I TASSI DI INTERESSE SU RIMBORSI E PAGAMENTI.

Il Fisco ha la mano pesante quando è il contribuente ad essere debitore, pretendendo sanzioni e interessi elevati. Lo stesso Fisco ha invece mano leggera quando deve rimborsare il contribuente. In tal caso, nessuna sanzione è prevista per il Fisco, e gli interessi sono più bassi rispetto a quelli dovuti dai contribuenti per tardivi pagamenti. Ma dal 2014 sono state abbassate due misure: sugli interessi legali e sugli interessi di mora per chi paga in ritardo le cartelle di pagamento.
Dal 1° gennaio 2014 è stata ridotta all'1% annuo la misura degli interessi legali, che, fino al 31 dicembre 2013, sono dovuti nella misura del 2,5% annuo. Una mini-riduzione, con effetto dal 1° maggio 2014, ha inoltre interessato gli interessi di mora applicabili in caso di pagamenti tardivi delle cartelle. La misura del 5,2233% fissata lo scorso anno, dal 1° maggio 2013, è stata infatti ridotta al 5,14%, dal 1° maggio 2014. Nuovo tasso fissato da un provvedimento del 10 aprile 2014 del direttore delle Entrate, Attilio Befera.
Al di là delle differenti misure degli interessi, di norma, chiedere i rimborsi qualche volta ha creato problemi. Perchè il Fisco prima vuole vederci chiaro ed effettua dei controlli. Il risultato è che, in certi casi, il contribuente che ha chiesto il rimborso si è "pentito" di averlo fatto, perché, oltre ad avere avuto un diniego parziale o totale del rimborso, a seguito del controllo, ha pagato più di quanto aveva chiesto a rimborso.
Se è il contribuente che deve avere il rimborso, l'interesse riconosciuto per il ritardo è, di norma, il 2% annuo, mentre se il contribuente paga dopo la scadenza, l'interesse è il doppio. In tema di sanzioni, se è il contribuente che paga in ritardo i tributi, la sanzione varia dal 30% al 200%, mentre nessuna sanzione è prevista a carico del Fisco, quando esegue i rimborsi in ritardo. Per fortuna, negli ultimi anni, il problema dei rimborsi è stato attenuato dalla compensazione tra dare e avere dei tributi e contributi, che è stata la novità più rilevante in vigore dal 1998.
Da qualche anno tra Fisco e contribuente si compensano subito i debiti e i crediti, e il debitore paga la differenza, con eccezione dei crediti Iva che sono subordinati a limiti che ne condizionano l'impiego, in aggiunta al visto di conformità per quelli di ammontare superiore a 15mila euro, prima richiesto per i crediti Iva, mentre dal 2014 il "visto" è richiesto anche per gli altri crediti.
Nonostante la stretta degli ultimi anni, con la compensazione si sono ridotti, parzialmente, i problemi legati ai rimborsi e le punizioni ai contribuenti che pagavano un tributo, pur essendo creditori dell'erario per lo stesso o per un altro tributo. In tema di interessi, va ricordato che l'articolo 6 del decreto 21 maggio 2009, Gazzetta ufficiale 136 del 15 giugno 2009, ha fissato nella misura del 3,5% annuo gli interessi dovuti per le somme versate nei termini, in caso di rinuncia all'impugnazione dell'accertamento (articolo 15, decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218), accertamento con adesione (articolo 8, decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218), e conciliazione giudiziale (articolo 48, decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546).
Le regole per la conciliazione sono applicabili in caso di esito positivo del reclamo mediazione per le liti di importo non superiore a 20mila euro. Infatti «per effetto del rinvio disposto dal comma 8 dell'articolo 17-bis, devono ritenersi applicabili alla mediazione le disposizioni dell'articolo 48 del dlgs n. 546 del 1992, disciplinanti il perfezionamento della conciliazione giudiziale» (circolare 9/E, 19 marzo 2012). Per i pagamenti rateali, sugli importi delle rate successive alla prima, le norme relative dispongono che sono dovuti gli interessi legali, in misura da determinare con riferimento all'annualità in cui viene perfezionato l'accertamento con adesione, rimanendo costante anche se il versamento delle rate si allunga fino agli anni successivi. Ad esempio, per adesioni perfezionate nel 2014 si applica la misura degli interessi legali dell'1% annuo, anche se le rate saranno pagate in anni successivi, restando irrilevanti le modifiche disposte in tema di interessi legali.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio