PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SIRTEL: IL CALENDARIO PER L'INVIO DEI RENDICONTI 2013.

Le Amministrazioni provinciali ed i Comuni debbono inviare alla Sezione delle autonomie della Corte dei conti, mediante trasmissione telematica in formato elettronico XML, il rendiconto dell'esercizio 2013 secondo il seguente calendario:
-dal 2 al 30 maggio 2014 le Amministrazioni Provinciali ed i Comuni con più di 20.000 abitanti;
-dal 16 maggio al 13 giugno 2014 i Comuni da 3.000 a 19.999 abitanti;
-dal 30 maggio al 27 giugno 2014 i Comuni fino a 2.999 abitanti;
-entro 30 giorni dalla scadenza del termine di approvazione del rendiconto, per gli enti delle Regioni a Statuto Speciale, la cui legislazione preveda un termine diverso da quello stabilito dall’art. 227 TUEL.
Lo si legge nella deliberazione della Corte – sezione autonomie N. 8/SEZAUT/2014/INPR, di cui si riporta il testo.
ART. 1
Adempimenti delle Province e dei Comuni
1. Le Amministrazioni provinciali ed i Comuni debbono inviare alla Sezione delle autonomie, mediante trasmissione telematica in formato elettronico XML, secondo le modalità previste dal decreto del Ministro dell'Interno di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze in data 24 giugno 2004, modificato con D.M. in data 9 maggio 2006 e le indicazioni operative reperibili nel sito web www.corteconti.it, il rendiconto dell'esercizio 2013, composto dal conto del bilancio, dal conto del patrimonio e dal conto economico, il prospetto di conciliazione e gli altri prospetti riepilogativi, nonché i quadri previsti dal D.P.R. 31 gennaio 1996, n. 194, secondo il seguente calendario:
-dal 2 al 30 maggio 2014 le Amministrazioni Provinciali ed i Comuni con più di 20.000 abitanti;
-dal 16 maggio al 13 giugno 2014 i Comuni da 3.000 a 19.999 abitanti;
-dal 30 maggio al 27 giugno 2014 i Comuni fino a 2.999 abitanti;
-entro 30 giorni dalla scadenza del termine di approvazione del rendiconto, per gli enti delle Regioni a Statuto Speciale, la cui legislazione preveda un termine diverso da quello stabilito dal più volte ricordato art. 227 TUEL;
2. Entro i predetti termini le Amministrazioni provinciali e comunali, i cui rendiconti chiudono in disavanzo di amministrazione, devono, inoltre, trasmettere alla Sezione delle autonomie (alla casella di posta elettronica indicata sul sito web della Corte dei conti):
a) la deliberazione consiliare di approvazione del rendiconto 2013;
b) la deliberazione consiliare sugli equilibri di bilancio adottata nell'anno 2013, ai sensi dell'art. 193 del d.lgs. n. 267 del 2000;
c) la relazione dell'organo di revisione economico-finanziaria di cui all'art. 239, comma 1, lettera d, dell’anzidetto decreto;
d) la relazione illustrativa della Giunta redatta ai sensi dell'art. 151, comma 6, del citato decreto;
e) l'elenco dei residui attivi e passivi distinti per titoli e per esercizi di provenienza;
f) il quadro dei servizi gestiti in economia.
ART. 2
Adempimenti delle Comunità montane
1. Le Comunità montane, dal 30 maggio al 27 giugno 2014, devono trasmettere alla Sezione delle autonomie - per via telematica - il rendiconto dell'esercizio 2013, composto dal conto del bilancio, dal conto del patrimonio e dal conto economico, il prospetto di conciliazione e gli altri prospetti riepilogativi, nonché i quadri previsti dal D.P.R. 31 gennaio 1996, n. 194.
ART. 3
Adempimenti delle Province, dei Comuni e delle Comunità montane che non abbiano approvato il rendiconto 2013
1. Gli Enti di cui agli articoli 1 e 2, che non abbiano approvato il rendiconto dell'esercizio 2013 devono trasmettere alla Sezione delle autonomie - per via telematica - entro il 30 giugno 2014, nell'ordine, uno dei seguenti documenti contabili, secondo le disponibilità al momento della trasmissione:
a) schema del rendiconto presentato al Consiglio dalla Giunta della Provincia, del Comune o della Comunità montana;
b) schema di rendiconto predisposto dagli uffici per l'esame della Giunta.
2. La trasmissione - per via telematica - del rendiconto 2013, da effettuare entro cinque giorni dalla deliberazione consiliare di approvazione del predetto conto rimane in ogni caso adempimento non eludibile, anche decorso il termine del 30 giugno 2014.
3. Il rendiconto da trasmettere, relativo all'esercizio finanziario 2013, dovrà essere corredato della documentazione indicata nel precedente art. 1, comma 2.
ART . 4
Variazione nei dati relativi ai soggetti accreditati all'invio dei conti.
1. Gli Enti, per i quali ricorrono ipotesi di variazione nei dati relativi ai soggetti accreditati per l'invio dei conti, devono darne immediata notizia a questa Corte nei modi indicati al punto 3 (modalità di conservazione e modifica dell'account) dell'allegato A del decreto in data 24 giugno 2004 del Ministro dell’Interno di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, successivamente modificato con decreto ministeriale in data 9 maggio 2006.

Il Relatore Il Presidente
F.to Paola Cosa F.to Raffaele Squitieri
Depositata in segreteria il giorno 15 aprile 2014
Il Dirigente
F.to Renato Prozzo
FONTE: CORTE DEI CONTI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio