PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

RITORNANO IN AUGE I CONSIGLI TRIBUTARI

Per accelerare la partecipazione dei comuni alle attività di accertamento, la manovra correttiva impone agli stessi di costituire i «consigli tributari» entro un lasso temporale che va dai 90 ai 180 giorni successivi all'entrata in vigore del dl 78/2010. I comuni con più di 5 mila abitanti costituiranno i consigli tributari in via autonoma, mentre quelli con popolazione inferiore procederanno attraverso organismi consortili.
La norma si applica solo ai comuni che non si siano già dotati in passato di tale strumento. Difficile dire quanti siano i comuni italiani che hanno già provveduto a istituire il consiglio tributario sulla base della disposizione, meramente facoltativa, prevista nell'articolo 44 del dpr 600/73. Uno dei primi consigli tributari è stato quello del comune di Torino (giugno 1977).
Fra i suoi compiti c'è quello di esprimere «... parere obbligatorio in ordine a tutte le deliberazioni con le quali il comune determina o modifica i tributi comunali» nonché esprimere un proprio «motivato parere» in ordine alle proposte di accertamento pervenute al comune da parte degli uffici periferici dell'amministrazione finanziaria. Il consiglio tributario torinese è formato da componenti nominati dal consiglio comunale, dalle circoscrizioni e dai vari gruppi consiliari. Il criterio per la nomina è quello della più ampia rappresentatività della realtà sociale della città. Il terzo comma dell'articolo 18 del dl 7/2010, provvede inoltre ad attribuire ai nuovi consigli tributari e presumibilmente anche a quelli già istituiti, un nuovo compito: nella seduta successiva alla data di entrata in vigore del decreto, dovranno deliberare in ordine alle forme di collaborazione con l'agenzia del territorio per l'aggiornamento del catasto.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<agosto 2018>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio