PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

DIPENDENTI PUBBLICHE: PENSIONE PIU' LONTANA E PIU' BASSA

La parità previdenziale fra uomo e donna imposta dall'Europa agli uffici pubblici del nostro paese allungherà la permanenza al lavoro delle dipendenti soprattutto ai piani più alti della gerarchia, occupati da chi ha iniziato a lavorare dopo la laurea. L'influenza sugli altri profili sarà più attenuata e diminuirà progressivamente fino a scomparire nel caso di chi ha iniziato la propria carriera prima di compiere i 20 anni.
Lo «scalone» che dal 2012 porta a 65 anni anche per le donne l'età necessaria per imboccare l'uscita di vecchiaia non cancella infatti le altre regole per il pensionamento di anzianità, che consentono di andare in riposo a chi centra la «quota» minima, costituita dalla somma di età anagrafica e anni di contribuzione: dal prossimo anno occorrerà quota 96 (con almeno 60 anni di età); dal 2013 si dovrà arrivare a quota 97 (con almeno 61 anni di età). Potrà continuare ad andare in pensione a prescindere dall'età chi raggiunge 40 anni di contributi.
Il discrimine è fissato a 29 anni: le dipendenti pubbliche che hanno iniziato a lavorare con un'età più avanata non hanno alcuna chance di ritirarsi dall'ufficio prima dei 65 anni, mentre le altre potranno continuare a sfruttare i canali alternativi (e anticipati), inoltre, vanno fatti i conti con la «finestra mobile» per la decorrenza dell'assegno: la nuova regola si applica sia al lavoro privato sia a quello pubblico (maschile e femminile) e permette di guadagnare l'uscita 13 mesi dopo la maturazione dei requisiti.
Posti questi principi, il calcolo diventa semplice: chi ha cominciato a versare contributi a 20 anni ottiene il diritto alla pensione a 60 anni e 13 mesi dopo, quando l'anagrafe indica 61 anni, si vede aprire la finestra d'uscita. La dipendente pubblica che invece ha iniziato l'attività a 25 anni deve attendere un anno in più, non riesce ad accumulare i 40 anni di anzianità (in questo caso l'uscita coinciderebbe con la «vecchiaia» parificata con quella dei colleghi uomini) ma può sfruttare il meccanismo delle quote: a 61 anni (età minima per ottenere l'assegno di anzianità), l'interessata avrà raggiunto 36 anni di contributi, che sommati all'età portano alla fatidica «quota 97». Anche in questo caso, tra la maturazione del requisito e il pensionamento effettivo dovrà passare almeno un anno.
La prima età utile per salutare i colleghi sale progressivamente, un anno alla volta, per le dipendenti pubbliche che hanno iniziato a lavorare fra 25 e 29 anni, mentre per chi ha esordito da 30 anni in su l'unica uscita possibile è quella di vecchiaia dopo i 65 anni.
A mescolare le carte, ovviamente, può intervenire il riscatto previdenziale degli anni di laurea, che sposta all'indietro l'età di esordio contributivo: chi è entrata in ufficio a 29 anni ma ha riscattato quattro anni di studi sarà trattata come chi è entrata in ufficio a 25 anni
Le differenze rispetto alle dipendenti di aziende private, insomma, sono ad assetto variabile. Diverso il discorso sull'entità dell'assegno che, soprattutto per chi uscirà dall'ufficio nei prossimi anni, sarà danneggiato dal blocco dei rinnovi contrattuali (con limature fino al 4%).
Per vedere stabilizzato il quadro delle regole bisognerà attendere la conversione del decreto sulla manovra (il Dl 78/2010), che una volta trasformato in legge ospiterà anche l'emendamento con lo scalone approvato in consiglio dei ministri. Nell'attesa, comunque, l'Inpdap ha cominciato in una prima nota a fare il punto sulle novità relative a finestre e calcolo della buonuscita, concentrandosi in particolare sulle deroghe che consentono di evitare i ritardi legati al meccanismo della finestra mobile.
L'attesa (13 mesi dopo la maturazione dei requisiti) non coinvolgerà chi centra entro la fine di quest'anno i parametri necessari al pensionamento, e i dipendenti che al 30 giugno avevano in corso il periodo di preavviso e matureranno i requisiti per l'anzianità o la vecchiaia entro la cessazione del rapporto di lavoro. Fuori dai giochi anche la scuola, i dipendenti con regimi speciali e quelli in mobilità che riusciranno a entrare nella quota dei 10 mila fissata dalla manovra.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<gennaio 2018>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio