PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

I COMUNI E LA RIFORMA DELLA RISCOSSIONE.

L'Anci interviene sulla riforma della riscossione ormai alle porte e chiede un «ulteriore intervento legislativo chiarificatore, così da dissipare ogni residua ambiguità». Con una circolare che lunedì sarà trasmessa a tutti i comuni italiani (ma che è già disponibile sul sito del Sole 24 Ore) l'Associazione e l'Ifel puntano il faro sulle questioni più dubbie con cui gli enti locali si stanno confrontando (si veda «Il Sole 24 Ore» del 9 settembre).
«Al 1 ° gennaio del 2011 - spiega Angelo Rughetti, segretario generale Anci e presidente del consiglio direttivo Ifel - il servizio pubblico di riscossione non sarà più tenuto a gestire la riscossione coattiva degli enti locali, lasciando all'iniziativa dei comuni e delle province la parte più delicata del processo di acquisizione delle entrate.
In questo contesto sarebbe auspicabile un rapido intervento di riordino dell'intera disciplina, assicurando gli adeguati elementi di concorrenza per gli operatori qualificati del settore e, al tempo stesso, garantendo agli enti locali l'accesso al servizio nazionale di riscossione». L'opzione dell'affidamento a soggetti esterni per l'Anci va considerata come non prioritaria: «Si ritiene che la soluzione della gestione diretta delle attività in questione sia quella da preferire e, comunque, da valutare in prima istanza».
Il Comune, con la gestione diretta o attraverso una società in house, può mantenere un controllo costante su attività di grande rilievo. «Recenti fatti di cronaca riguardanti l'affidamento a terzi della gestione delle proprie entrate - precisa la nota Anci-Ifel, e il riferimento al default di Tributi Italia appare lampante - hanno evidenziato l'importanza che il comune, anche quando esternalizza mantenga un controllo penetrante dell'attività svolta dai gestori, controllo che non può prescindere da una diretta conoscenza delle attività oggetto di affidamento e dal rigoroso mantenimento in capo al comune del possesso delle informazioni sulle basi imponibili e sugli adempimenti dei contribuenti».
Per l'Anci vanno abbandonati i contratti che prevedono «la gestione da parte del soggetto terzo incaricato dei canali d'incasso della riscossione spontanea, se non nell'ambito di procedure che assicurino un automatico e pressoché immediato riversamento delle somme nella tesoreria comunale (cash pooling), così da sgombrare il campo alla radice da qualsiasi ipotesi di utilizzo improprio dei riversamenti periodici da parte del concessionario».
Per quanto riguarda poi il vero nodo, ovvero, la riscossione coattiva, l'Anci sostiene che «non è pensabile che un comune, soprattutto se di piccole dimensioni, possa gestire in proprio la fase dell'esecuzione forzata o debba, a fronte magari di qualche decina di avvisi di accertamento non pagati, ricorrere ad una gara per individuare il gestore della riscossione coattiva».
«Di fronte alle forti preoccupazioni dei comuni, come nel caso dei consigli tributari - aggiunge Giuseppe Franco Ferrari, presidente Ifel - nel merito dell'attuazione di norme che modificano profondamente la gestione delle entrate siamo pronti a contribuire alla ricerca di soluzioni condivise che non penalizzino una funzione cruciale per la vita degli enti».
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio