PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

DAL 2011 ATTRIBUZIONE DI RENDITA PER GLI IMMOBILI NON CLASSATI.

Non ci saranno prigionieri. Questa volta i proprietari delle "case fantasma", o almeno del terreno su cui sono state costruite, riceveranno una rendita presunta cui adeguarsi pagando il dovuto o cercando di opporsi. Non sono ancora note le modalità di calcolo che l'agenzia del Territorio intende adottare ma lo scopo del lavoro di queste settimane è di trovare un sistema per elaborare in modo massivo le rendite da mandare ai più riottosi, quelli che non si saranno messi in regola entro il 31 dicembre 2010.
Come ha annunciato ieri al Tgi il direttore dell'agenzia, Gabriella Alemanno, chi ha mancato gli appelli precedenti potrà approfittare di quello del 31 dicembre. Con il Dl 78/2010, infatti, era stato stabilito che gli immobili non dichiarati in catasto, e gli interventi edilizi su immobili già dichiarati, dovranno essere dichiarati entro il 2010. Questo adempimento è venuto dopo le «individuazioni» effettuate dal catasto e pubblicate sulla «Gazzetta ufficiale» in tre tornate, tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2009. Dato che la norma (legge 311/2004) fissava in sette mesi il termine per regolarizzarli, di fatto quello del 31 dicembre era una riapertura di una scadenza già superata.
I problemi, però, restavano molti: anzitutto alcuni proprietari delle «particelle» (cioè degli appezzamenti di terreno) su cui sorgevano gli immobili non sapevano di essere fuori dalle regole, magari perché avevano ereditato l'immobile edificato abusivamente dai nonni. O più semplicemente perché la particella risulta ancora intestata a persone defunte e gli eredi sono emigrati da decenni o addirittura nati e residenti all'estero (nelle campagne di alcune zone d'Italia è frequente).
Ma il problema più grosso sono le conseguenze dell'accatastamento. Al Territorio hanno assicurato che per chi si mette in regola le sanzioni saranno ridotte al minimo (258 euro) e si eviterà anche di pagare gli oneri per l'accatastamento «in surroga» (stimabili in 800-1.000 euro di media). Ma il fatto è che molti immobili non accatastati sono anche abusivi sotto il profilo edilizio e urbanistico: un profilo che la regolarizzazione catastale non può in alcun modo influenzare.
Oggi chi regolarizza in Catasto un immobile abusivo non sanabile rischia anche la demolizione.
I proprietari, quindi, non avranno grandi incentivi a mettersi in regola con il Catasto entro la fine di quest'anno. Ma sfuggire alla morsa è difficile: per ora hanno già adempiuto i proprietari di circa circa 530mila unità immobiliari (su ogni particella ce ne sono, in media, 1,4). Ma ne restano ancora un paio di milioni, cui naturalmente va fatta una robusta tara di quelle non interessanti ai fini catastali (tettoie, case rurali eccetera). Il governo, però, ha fretta: il gettito deve arrivare, soprattutto ai comuni sotto forma di Ici, e in ballo potrebbe esserci un miliardo.
Per questo gli incontri con le categorie professionali si stanno intensificando, in modo da far partire, a gennaio, una raffica di comunicazioni con le rendite presunte di chi non si è autodenunciato. Il meccanismo potrebbe anche funzionare con la richiesta immediata di un forfait accettabile, da considerare in acconto sulle imposte applicate alla rendita catastale definitiva, da trovare in collaborazione con i proprietari una volta che saranno stati stanati.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<agosto 2018>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio