PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

L'AFFIDAMENTO DELLA RISCOSSIONE DEVE AVVENIRE TRAMITE CONCESSIONE

L'affidamento dell'attività di riscossione deve avvenire tramite concessione.

Al fine della individuazione della giusta disciplina applicabile in sede di gara è necessario stabilire se l'attività di riscossione delle entrate sia qualificabile come un appalto o come una concessione. Il Consiglio di Stato espressosi sull'argomento, ha ritenuto che la riscossione delle entrate sia affidabile ai singoli gestori come una concessione sulla base dei diversi riferimenti normativi, tra cui il D.Lgs. n. 112/1999 che usano l'espressione "affidamento in concessione del servizio di riscossione". Ne consegue che al relativo affidamento non sia applicabile il Codice dei contratti integralmente ma solo l'art. 30 ed i principi generali desumibili dalla normativa sugli appalti, come per esempio quello di trasparenza. E', inoltre, discutibile se qualificare la riscossione come servizio pubblico locale: la giurisprudenza amministrativa si è espressa in senso favorevole mentre l'Antitrust si è espressa in senso contrario. L'art. 52, D.Lgs. n. 446/1997 rinvia alla procedura sui servizi pubblici locali ma individua quattro moduli organizzativi del servizio non coincidenti con quelli previsti dall'art. 23-bis, D.L. n. 112/2008. E' difficile ipotizzare il rapporto tra le due disposizioni in termini generalità e specialità poiché le regole di cui all'art. 23-bis "prevalgono sulle relative discipline di settore con esse incompatibili".
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<marzo 2020>
lunmarmergiovensabdom
2425262728291
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio