PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

IL DDL DI STABILITA' CON LUCI ED OMBRE

Il maxiemendamento del Governo al ddl di stabilità 2011 non piace all'Anci che ha fatto presentare in Commissione bilancio della Camera un subemendamento che riporterebbe in equilibrio gli effetti della manovra economica con l'introduzione di una clausola di salvaguardia.

Secondo il Presidente dell'Anci, il subemendamento del Governo non contiene alcun correttivo tra quelli proposti dall'Associazione dei comuni (trasferimento al 2012 dei tagli ai contributi erariali, sblocco dei residui passivi, alleggerimento dei vincoli contabili per il 2011). Per questo è stato presentato in Commissione bilancio un subemendamento che reca una sorta di principio la cui applicazione consente ad ogni ente di non dover sopportare un concorso alla manovra superiore all'8% della spesa.
Esso, inoltre, contiene ulteriori richieste, tra cui la possibilità di continuare ad avvalersi dell'esclusione dal Patto, anche per il triennio 2011-2013, delle entrate derivanti da operazioni straordinarie (alienazioni, dismissioni, dividendi delle società partecipate), come già avvenuto per il triennio 2008-2010. Questa proposta è stata fatta dall'Anci perché tale misura non avrebbe bisogno di copertura finanziaria. Infine, l'Anci ha riproposto nel subemendamento la misura relativa agli oneri di urbanizzazione, che anche per il prossimo triennio potranno essere utilizzati per una quota non superiore al 50% per finanziare la spesa corrente e per una quota non superiore all'ulteriore 25% per spese di manutenzione ordinaria del patrimonio comunale.
FONTE:ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<maggio 2018>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio