PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

NEGLI ENTI LOCALI REVISORI ESCLUSI DAI TAGLI

Tra le norme del Decreto legge n. 78/2010 che dispongono la riduzione delle entrate ed il contenimento delle spese, quella che prevede il taglio del 10% dei compensi non si applica ai revisori degli enti locali.
Si ricorda che l'articolo 6, comma 3, del D.L. n. 78/2010 dispone che dal 1/1/2011 le indennità, i compensi, i gettoni, le retribuzioni o le altre utilità comunque denominate, corrisposti dalle p.a. ai componenti di organi di indirizzo, direzione e controllo, consigli di amministrazione e organi collegiali comunque denominati ed ai titolari di incarichi di qualsiasi tipo, sono automaticamente ridotte del 10% rispetto agli importi risultanti alla data del 30 aprile 2010.
Tale norma ha suscitato dubbi applicativi circa la sua validità nei confronti degli organi di revisione degli enti locali.
Orbene, si chiarisce che il citato comma 3 non riguarda il compenso dei revisori dei conti per due ordini di ragioni. Innanzitutto, poiché il compenso in oggetto è determinato dall'articolo 241 del TUEL tramite apposito decreto ministeriale con lo stesso metodo di quello previsto dal TUEL per i consiglieri e gli assessori comunali. In secondo luogo, perché l'articolo 1, comma 4, del TUEL stabilisce espressamente che ogni sua modifica o deroga deve essere espressa. Ma l'articolo 6, comma 3, del D.L. n. 78/2010 non esprime alcun intento modificativo della norma del TUEL sul compenso dei revisori.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio