PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

DALLO STATO PAGAMENTO ICI ESENZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE.

Una boccata d'ossigeno per i comuni. In vista della chiusura dei bilanci entro fine anno (anche se sembra ormai certo che il termine per la presentazione dei preventivi sarà prorogato al 31 marzo 2011) il Viminale, in anticipo rispetto alla scadenza del 15 dicembre, ha versato ai comuni la seconda rata dei trasferimenti erariali 2010 compensativi dell'abolizione dell'Ici prima casa.
Ad annunciare il pagamento delle spettanze, pari a 1,68 miliardi di euro, è stato il sottosegretario all'interno Michelino Davico secondo cui l'anticipo «contribuirà ad aiutare gli enti nel periodo di fine esercizio, tradizionalmente denso di urgenti scadenze finanziarie».
Ma i comuni non faranno in tempo a contabilizzare le somme in bilancio che subito dovranno pensare ai tagli di 1,5 miliardi previsti dalla manovra correttiva (dl 78/2010) per il 2011 e pronti a partire dopo la firma da parte del ministro dell'interno Roberto Maroni, del decreto ministeriale che li ripartirà tra i singoli enti esclusivamente secondo un criterio di proporzionalità.
È questo l'effetto della mancata intesa tra governo e autonomie in Conferenza stato-città . Anci, Upi e Viminale non sono riusciti a trovare l'accordo, entro il termine del 30 ottobre, sui criteri di virtuosità (rispetto del Patto, autonomia finanziaria e minore incidenza percentuale della spesa per il personale rispetto alla spesa corrente complessiva) che avrebbero potuto rimodulare almeno in parte (25%) i tagli della manovra. E così la decurtazione scatterà in modo lineare.
La quantificazione del taglio 2011 per i comuni è calcolata detraendo dalle spettanze erariali 2010 unicamente la quota dinamica della compartecipazione Irpef e su questa base si calcola l'11,2%. Tale conteggio è desunto dai dati delle spettanze aggiornate a novembre 2010 e quindi non tiene conto dell'una tantum di 200 milioni di euro stanziata dalla manovra correttiva (art.14 comma 13, legge 122/2010).
E proprio sulla mancata erogazione di questo contributo straordinario (su cui è stata già raggiunta l'intesa in Stato-città) l'Anci ha scritto a Giulio Tremonti e Roberto Maroni, esprimendo «forte preoccupazione per l'eccessivo prolungarsi dei tempi». «Si tratta di un contributo che da solo non potrà certo risolvere le difficoltà della finanza locale», si legge nella lettera inviata dal segretario generale dell'Anci, Angelo Rughetti, «ma costituisce in ogni caso un'entrata su cui i comuni fanno affidamento». Rughetti ha inoltre sollecitato l'erogazione delle restanti assegnazioni spettanti ai municipi riguardo l'Ici relativa agli immobili ex rurali.

Notizie
Enti locali
03.12.2010
Enti locali, erogata ai comuni la seconda rata dei trasferimenti compensativi dell'Ici
Lo comunica il sottosegretario all'Interno Davico precisando che la somma ammonta ad oltre 1.680 milioni. Tutti i pagamenti effettuati sono consultabili on line
Il ministero dell'Interno ha erogato ai comuni, in anticipo rispetto alla scadenza del 15 dicembre, la seconda rata dei trasferimenti erariali spettanti per l’anno 2010 a titolo di compensazione per i minori introiti derivanti dall’abrogazione dell’ICI sulla prima casa di abitazione. Il dettaglio dei pagamenti, effettuati dal dipartimento per gli affari interni e territoriali, direzione centrale della finanza locale, è disponibile sul sito della direzione http://www.finanzalocale.interno.it.

Lo rende noto il sottosegretario all'Interno Michelino Davico, sottolineando che l'erogazione dei contributi - pari ad oltre 1.680 milioni - contribuirà ad aiutare gli enti giunti a fine esercizio, periodo normalmente denso di scadenze finanziarie.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio