PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

SLITTANO GLI ACCATASTAMENTI CON IL MILLEPROROGHE

Più tempo per l'accatastamento delle case fantasma e per i versamenti delle imposte e contributi sospesi a seguito dell'alluvione del Veneto. Nuova linfa per la ripartizione del cinque per mille dell'Irpef e per gli incentivi fiscali del settore cinematografico. sono queste alcune delle principali disposizioni a carattere fiscale contenute nel decreto milleproroghe approvato ieri dal Consiglio dei ministri.
Fra le altre disposizioni di carattere tributario troviamo inoltre la proroga della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale degli studi di settore al 31 dicembre anche per i prossimi due anni 2011 e 2012. La disposizione del dl 112/08 che voleva gli studi di settore pubblicati in Gazzetta Ufficiale entro il 30 settembre dell'anno precedente a quello di loro applicazione resta, almeno per ora, una vera e propria chimera.
Slitta a gennaio 2012 anche l'avvio della dichiarazione su base mensile dei sostituti d'imposta che avrebbe invece dovuto trovare applicazione già dal gennaio 2011 ai sensi della disposizione contenuta nell'articolo 42 del dl 207/2008.
Due mesi in più anche per l'operazione di emersione delle c.d. «case fantasma». Il mille proroghe prevede infatti lo spostamento della originaria scadenza, fissata dall'articolo 19 del dl 78/2010 al 31 dicembre, al 28 febbraio 2011. In previsione della notevole mole di operazioni di attribuzione della rendita presunta dei suddetti fabbricati da parte dell'Agenzia del territorio, il milleproroghe introduce anche la possibilità di notifica di tali atti mediante affissione all'albo pretorio dei comuni presso i quali sono ubicati gli immobili, con ciò derogando alla normale attività di notifica della stessa al proprietario. Conseguentemente i termini per il ricorso contro detta attribuzione di rendita decorreranno dalla comunicazione di tale affissione nella Gazzetta Ufficiale che dovrà essere effettuata tramite apposito comunicato, da parte dell'Agenzia del territorio.
Sempre in tema di emersione delle c.d. «case fantasma» il milleproroghe prevede inoltre che, in deroga alle vigenti disposizioni, la rendita catastale presunta e quella successivamente dichiarata come rendita proposta o attribuita come definitiva, produrranno i loro effetti fiscali fino dalla loro iscrizione in catasto, con decorrenza dal 1° gennaio 2007. È fatta ovviamente salva la possibilità per il contribuente di dimostrare, in sede di autotutela, una diversa decorrenza rispetto a quella sopra indicata e definita ex lege.
Più tempo anche per i versamenti dei tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi dovuti dai soggetti interessati dagli eventi alluvionali che hanno colpito alcune province del Veneto nello scorso mese di novembre. L'originaria scadenza del 20 dicembre 2010 viene infatti prorogata al 30 giugno 2011 con la conseguente copertura delle minori entrate a carico del bilancio dello Stato.
La proroga in oggetto arriva oltre la scadenza originariamente prevista a conferma di come l'intera operazione di differimento delle scadenza fiscali e previdenziali dei soggetti colpiti dai suddetti eventi calamitosi sia stata quantomeno infelice.
Altre misure di carattere fiscale che hanno trovato un o slittamento dei termini all'interno del provvedimento varato ieri dal Consiglio dei ministri riguardano infine il c.d. controllo sui circoli privati e degli enti associativi di cui all'articolo 30 del dl 185/2008 nonché i termini per l'invio delle comunicazioni di inesigibilità sui ruoli da parte delle società del gruppo Equitalia Spa.
Per quanto riguarda i circoli privati, il milleproroghe stabilisce che i termini per la presentazione del modello previsto dalla disposizione sopra ricordata sono prorogati al sessantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto stesso.
Per quanto riguarda invece le dichiarazioni di inesigibilità dei ruoli di cui all'articolo 3 del dl 203/2005, il milleproroghe fa slittare di un anno l'intera procedura. Oggetto di proroga saranno dunque i ruoli consegnati alle società del gruppo Equitalia Spa alla data del 30 settembre 2009 anziché dell'originario 30 settembre 2008, la cui dichiarazione di inesigibilità potrà essere inviata entro il 30 settembre 2012 invece che entro l'originario 30 settembre 2011.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio