PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

CONVENZIONI CON L'AGENZIA DELLE ENTRATE ENTRO IL 15 FEBBRAIO.

Entro il 15 febbraio i comuni dovranno sottoscrivere la nuova convenzione - elaborata dall'Anci in accordo con l'agenzia delle Entrate - per l'accesso alla banca dati Siatel. Se non provvederanno, l'accesso all'anagrafe tributaria potrà essere temporaneamente interrotto. La sollecitazione giunge da una nota Ifel, diffusa ieri sul sito dell'istituto, che, tra l'altro, annuncia agli enti anche l'aumento delle informazioni che verranno messe a disposizione dei comuni, in attuazione dell'attività di collaborazione all'accertamento delle entrate erariali.
L'esigenza di rivedere le procedure di consultazione dell'anagrafe tributaria giunge dalle prescrizioni imposte dal Garante della privacy all'agenzia delle Entrate. In esito alle indicazioni del Garante, l'Agenzia ha dovuto rivedere il protocollo di accesso alla banca dati e la convenzione che regola le condizioni di consultazione. I comuni costituiscono peraltro uno dei maggiori utenti del servizio: da qui la costituzione di un gruppo di lavoro tra l'Anci e l'agenzia delle Entrate, con il supporto tecnico dell'Ifel.
Il primo obiettivo del gruppo di lavoro è l'elaborazione del nuovo schema di convenzione che deve regolare i rapporti tra agenzia delle Entrate e Comuni. Una volta predisposto il testo della convenzione, il processo di sottoscrizione telematica della stessa avrebbe dovuto concludersi entro il 31 ottobre 2010. Un termine differito, da ultimo, al prossimo 15 febbraio con provvedimento del 21 ottobre 2010 del Garante della privacy.
La nota Ifel, dunque, evidenzia la necessità che entro questa data tutti i comuni provvedano alla sottoscrizione della nuova convenzione, altrimenti si rischia l'interruzione del servizio.
La figura centrale nel processo è il responsabile della convenzione, designato dal comune di appartenenza.
Questi deve infatti scaricare il testo dell'accordo, inserire i dati per la sua personalizzazione, validare la versione finale in formato elettronico e trasmettere il tutto al sindaco per la firma digitale. Per eventuali chiarimenti, è a disposizione un servizio di consultazione online sul sito dell'agenzia delle Entrate.
Il documento dell'Ifel ricorda inoltre che prosegue il lavoro di implementazione dei dati reperibili attraverso l'accesso all'Anagrafe, in vista del potenziamento della collaborazione dei comuni all'attività di accertamento delle entrate erariali. In particolare, viene messo in rilievo che, con riferimento all'annualità 2008, 14 città metropolitane hanno avuto a disposizione i dati analitici delle dichiarazioni dei redditi, a partire dalla scorsa estate. Questo consente di verificare le notizie dettagliate desumibili dai singoli quadri del modello Unico. La stessa possibilità verrà data, a decorrere dal prossimo esercizio, alla totalità dei comuni.
È stato inoltre sviluppato un servizio rivolto alla polizia municipale e agli uffici tributari, finalizzato a facilitare la notifica delle multe e degli accertamenti ai soggetti non residenti, diminuendo gli errori nella individuazione del domicilio fiscale del destinatario.
Le ulteriori utilità derivanti dal lavoro del tavolo congiunto Anci-Entrate, anche nel segno di nuovi servizi a cittadini e imprese, saranno infine illustrate nelle prossime settimane.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio