PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

RIDUZIONE DI GIUNTE E CONSIGLI (L. 191/2009).

Anno di cura dimagrante, il 2011, per le amministrazioni locali. Con la tornata elettorale della prossima primavera, infatti, scatta la riduzione del 20% dei consiglieri comunali e provinciali. E su questa base ridotta andrà riparametrato il numero degli assessori, i quali dunque diminuiranno anch'essi (intorno a un 25%). Il Ministero dell'interno, Dipartimento per gli Affari interni e Territoriali, con nota 18 febbraio 2011, n. 2915 ha trasmesso agli enti locali le istruzioni per apportare il dimagrimento agli organi collegiali di governo imposti dalla legge finanziare, in modo da fugare da subito ogni possibile dubbio interpretativo, esemplificando i conteggi dei tagli ai componenti negli allegati.
Si faranno dunque sentire gli effetti dei tagli alla composizione di consigli e giunte comunali e provinciali, disposte dall'articolo 2, commi da 183 a 187, della legge 191/2009 (legge finanziaria 2010), come modificato ed integrato dall'articolo 1, comma 2, del decreto legge 2/2010, convertito dalla legge 42/2010. Ma non per i comuni più grandi. Sfuggiranno infatti alla scure i comuni con più di un milione di abitanti: il maxi emendamento al decreto «milleproroghe» (225/2010, che entro il 27 sarà convertito in legge dal parlamento), intende fare salvi dal taglio i consigli dei comuni di Roma e Milano, dove i consiglieri rimarranno 60 (e non 48) mentre gli assessori saliranno da 12 a 15. Per tutti gli altri enti, invece sarà obbligatoria la sforbiciata: il numero degli assessori, infatti, dovrà essere parametrato al ridotto numero di componenti dei consigli.
Occorre ricordare che a decorrere dal 2011, e successivamente per tutti gli anni futuri, la finanziaria 2010 obbliga a ridurre del 20 per cento il numero dei consiglieri comunali e provinciali gli enti coinvolti nel rinnovo dei consigli, e che l'entità della riduzione deve essere arrotondata all'unità superiore, laddove le risultanze del calcolo diano luogo ad una cifra decimale. La nota del Viminale, dunque, riporta i nuovi numeri massimi dei consiglieri comunali e provinciali. In media, si andrà dai 10 consiglieri in meno per i comuni con popolazione tra i 500.000 ed il milione di abitanti, ai 3 consiglieri in meno per i comuni con meno di 3 mila abitanti.
FONTE: ITALIA OGGI

SCADENZIARIO

<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio