PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

NOVITA' SUL PATTO DI STABILITA'.

Con l'accordo in conferenza Stato-Città tra governo e autonomie locali tradotto nel Dpcm in corso di emanazione e la conversione del milleproroghe si completa la manovra 2011 per province e comuni.
Il complesso delle regole è contenuto nei commi da 87 a 124 della legge 220/2010 che, riscrivendo tutta la disciplina del patto di stabilità, definisce i passaggi per la definizione del saldo programmatico di ogni ente locale per il prossimo triennio.
L'aspetto più rilevante è la definizione di una regola generale (comma 90) che stabilisce un saldo strutturale pari a «zero» per le autonomie locali, sempre calcolato in termini di competenza mista. Per la determinazione del saldo programmatico è necessario procedere per gradi. Il punto di partenza è l'applicazione delle percentuali (comma 88 della legge 220/2010; per il 2011: 8,3% per le province e 11,4% per i comuni) alla spesa corrente media del triennio 2006/08. Sparisce, quindi, la base rappresentata da un saldo di partenza più o meno lontano nel tempo, sostituita da un parametro che offre stabilità.
L'importo così ottenuto deve essere ridotto per una somma pari al taglio dei trasferimenti subito dagli enti per effetto dell'articolo 14 del Dl 78/2010 e determinato dal ministero del l'Interno con il decreto del 9 dicembre 2010.
Il cambio di regola ha fatto sì che, per alcuni enti, la nuova impostazione determinasse sensibili differenze di obiettivo (sia positive, sia negative), incidendo sulla programmazione pluriennale. Per attenuare le differenze, solo per il primo anno, il legislatore ha previsto che l'obiettivo finale sia corretto per un importo pari alla metà della differenza tra il saldo programmatico calcolato con le precedenti regole (articolo 77-bis del Dl 112/2008) e il saldo determinato con la nuova disciplina. Se il nuovo obiettivo è inferiore a quello vecchio, il correttivo aumenta l'obiettivo determinato con le nuove regole; in caso contrario la metà del differenziale va in detrazione del saldo programmatico 2011. Per il solo 2011, inoltre, il comma 93 prevede una riduzione della manovra per complessivi 480 milioni per interventi necessari in ragione di impegni internazionali e al fine di garantire un contributo equo degli enti alla manovra.
Il fondo deve prevedere la copertura delle spese di investimento per Expo 2015 dal comune di Milano e, per effetto della conversione del Dl 225/2010, dalla provincia. L'accordo, in conferenza Stato-Città ha previsto destinato 130 milioni per Expo (110 al comune e 20 alla provincia), 310 milioni ai comuni e 40 milioni alle province.
Gli importi per i comuni si traducono in una clausola di salvaguardia definita in ragione della dimensione demografica degli enti. In particolare, se il saldo obiettivo supera la soglia definita dall'importo che scaturisce dall'applicazione delle percentuali definite nell'accordo alla spesa corrente media 2006-2008, allora il saldo programmatico è pari alla soglia medesima. Le percentuali sono del 5,4% per i comuni fino a 9.999 abitanti, del 7% per comuni con popolazione compresa tra i 10mila e 200mila abitanti e 10,5% per i comuni sopra i 200mila abitanti.
Per le province, la riduzione opera solo se l'incidenza percentuale della riduzione dei trasferimenti supera il 7%; in tal caso le province possono ridurre il saldo obiettivo secondo parametri quali popolazione e superficie territoriale. Il Dpcm prevede, infine, che per tutti gli enti, le entrate straordinarie possono essere considerate rilevanti ai fini del saldo utile per il rispetto del patto di stabilità interno.
Nel corso dell'anno, il saldo programmatico può essere modificato per due cause: l'applicazione del patto di stabilità regionale (normato dai commi da 138 a 143) e l'applicazione del comma 122, che prevede una riduzione degli obiettivi annuali del patto (con criteri e modalità da definirsi con apposito decreto) per un importo pari alla differenza, registrata nel 2010, tra il saldo programmatico assegnato e il saldo programmatico conseguito dagli enti inadempienti al patto di stabilità interno.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<novembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio